Anastasio - Atto zero (Album)
Anastasio - Atto zero (Album)

Leggi il Testo Il Sabotatore Anastasio. “Il Sabotatore” è una canzone di Anastasio estratta dall’album “Atto zero” (2020). Il Sabotatore Lyrics

Testo Il Sabotatore

Anastasio

Eh-hey, sì, sì eh, questa, questa skippala
Molto probabilmente non fa per te, nessun rancore, yeah

‘Ste cazzo di rime non devo farle per forza
Se prendo il flusso non mi frega un cazzo
Ma le faccio per natura ed il cranio manco si sforza
Mi dilanio la scorza di dosso
Io sono il tarlo nell’osso, il bagarozzo maturo
Io sono il pappatace che scava nel muro
Sono il bruco della mela di Eva, birbante
Che cambia la trama in un diversivo elegante
Annaffia il detersivo alle piante
E poi stacca le tessere dal mosaico dell’essere
E le riassembla in un cazzo gigante
Con tanto di tante [?]
Che dopo ti devo spiegare perché ho fatto il [?] in un certo modo
E la venuzza sullo scroto
Mi aspetto un applauso monumentale
Mi aspetto le vagine delle vostre dame
Mi aspetto che rigate se mi sento male
Se mi metto a urlare, se mi legano ad un letto di ospedale, ah
Levatemi il mondo di dosso che già fa caldo dentro questo fosso
E di certo io non posso cercare di stare composto
Coi crampi al collo e l’esistenza addosso
Oh no, no, levatemi il mondo di dosso che già fa caldo dentro questo fosso
E di certo io non posso cercare di stare composto
Coi crampi al collo e l’esistenza addosso

Lo volevate facile il read, eh coglioni?
Una roba cantabile, mica sono Baglioni
Io non vendo luce ma solo bagliori
Sono il mercante di illusioni coi prezzi migliori
Resuscito
Mi hanno scomunicato alla chiesa dell’entrovia
‘Nasta, adesso fuggi, c’è la psicopolizia
Fuggi, fuggi, fuggi, c’è la psicopolizia
Coglioni presi a generare il caos
Non credono negli ordini maggiori
Sono il cadetto che da gli ordini peggiori
Che brucia la mappa del campo minato
Dopo aver memorizzato le posizioni delle mine
Sì, ma non le vuole dire, ma non per ricattare o per cazzate varie
Giusto per far incazzare il generale, sergente maggiore
Ammiraglio, cavaliere del travaglio
Io parlo scomposto, sputacchio sulle medaglie dell’arme

Rifiuto l’ordine in nome di un atto più grande
Compiuto, il quale
La parola è sabtorare

Non esiste un devo fare, ma giusto un imprevisto che mi va di

Altrimenti non esisto

Continuerò a nutrirmi del tuo senso di impotenza di fronte al male

Infatti volevo farti detonare
Ho tagliato i fili al mio stesso detonatore
Firmato il sabotatore

Testo Il Sabotatore Anastasio