Molto easy“, esce il nuovo singolo di Kaso. Il rapper, attivo dagli anni ’90, non firma un disco rap solista dal 2005 ma, dopo varie collaborazioni e qualche progetto parallelo, si è rifatto vivo recentemente con “Niente da dire”, altro brano che sarà contenuto nel suo secondo album solista di prossima uscita.

Molto easy” è un invito ad andare oltre le difficoltà di tutti i giorni, a cercare dei modi per farsi scivolare tutto addosso: partendo da questo spunto, Kaso nel testo spiega la sua attitudine in una sorta di inno alla vita. “Nel pezzo – racconta l’artista di Varese – dico ‘da quando sono nato c’è una crisi’ e nel video rappo sotto la prima pagina del quotidiano La Stampa del 9 maggio 1978, giorno del ritrovamento del cadavere di Aldo Moro. In sostanza il concetto è: so bene da dove arrivo, dove mi trovo e cosa accade ogni giorno ma ci sono momenti in cui voglio comunque vivere easy e liberare la mente. ‘Free Your Mind… and Your Ass Will Follow’, come dicevano i Funkadelic”.

Nel video, un improbabile boss di strada anni ’70 catapultato ai giorni d’oggi, si aggira in un quartiere di una media città di provincia italiana con l’obbiettivo di recuperare qualcosa di prezioso da spacciare, che aiuti a “stare bene”. Nella scena della rapina c’è un cameo di Massimo Pericolo, rapper portavoce della nuova generazione e che ha conosciuto Kaso perché, come lui, è cresciuto nel varesotto. Come nel video di “Niente da dire”, inoltre, il rapper già noto per aver formato un duo con Maxi B, assume il ruolo di un narratore esterno circondato da persone impegnate nella loro quotidianità: “Considero la mia vera crew – continua Kaso – proprio la gente di cui mi circondo ogni giorno”.

Il suono della canzone si rifà un po’ alla West Coast statunitense degli anni ’90, un po’ al funk degli anni ’70. La produzione musicale è dello stesso Kaso in collaborazione con il musicista Mauro Banfi per Rhythm and Muse Records LLP.

Seguici su INSTAGRAM - FACEBOOK