Achille Lauro - 1969
Achille Lauro - 1969

Leggi il Testo Roma Achille Lauro. “Roma” è una canzone di Achille Lauro feat. Simon P estratta dall’album “1969” (Uscito il 12 Aprile 2019). Roma Lyrics

Testo Roma Achille Lauro

Fiji de ‘na sciacalla
In piazza del rione ci giocano a palla
Trenta regazzini tutti sulla palla
Trenta minuti per sfiorarla
Falla, che guarda mamma Roma quant’è bella all’alba
Ti buca l’anima co ’na zaccagna
Figlio di zoccola, figlio di cagna
Il cuppulone sembra una montagna
Il biondo Tevere bagna i suoi argini
Le nostre vite al margine tu non le immagini
Il sangue riempie le mie pagine
La mia barcaccia su un mare di lacrime
Ho perso i miei fratelli in questa merda di città
Poi mi dispero di felicità
Un altro giro di GRA
Così veloce che ci fermerà mai

(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
C’hai fatto col pennello, ma’
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
C’hai fatto col pennello, ma’

Voglio una Porsche, un armadio con sole Lacoste
Il mondo è così comico, le brave persone muoiono
Roma non fa la stupida no, che stanotte muoio qui con te
E Trastevere se illumina, brilla pure più del Coppedè
‘Sti ragazzi muoiono sul biondo Tevere
Co’ quindici capezze e ai piedi ‘ste catene
Su Via Nazionale su uno scarabeo
Finirà in tragedia come all’Eliseo
So’ figli di una iena ‘sti Romolo e Remo
Sfrecciano sul Tevere come sia il cielo
C’hai fatto col pennello, ma’
Sì, un quadro di Chagall

(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
C’hai fatto col pennello, ma’
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
C’hai fatto col pennello, ma’
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
C’hai fatto col pennello, ma’
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
(C’hai fatto col pennello, ma’)
C’hai fatto col pennello, ma’

Innalzato a morire su un colle
Trafitto nel costato a Vigne
Perito e intombato a Sempione
Risorto da qualche parte lì
A Montesacro
Pe’ i miei ragazzi, pe’ sempre

Testo Roma Achille Lauro