Simone Cristicchi - Abbi cura di me
Simone Cristicchi - Abbi cura di me

Leggi il Testo Genova Brucia Simone Cristicchi. “Genova Brucia” è una canzone di Simone Cristicchi estratta dall’album “Abbi cura di me” (2019). Genova Brucia Lyrics

Testo Genova Brucia Simone Cristicchi

Mi ricordo una giornata un po’ speciale
Genova 2001 vertice mondiale
Sono un poliziotto del reparto celere
Pronto alla guerra
Ma più che una battaglia in strada
Sembra un carnevale

Tutti questi pacifisti del cazzo
Che si fanno chiamare Popolo di Seattle:
Massa di straccioni
Con bandiere e arcobaleni
Che solo a guardarli in faccia
Già divento paonazzo

Sono trecentomila
E vogliono cambiare il mondo
E pensano che per cambiare
Basti un girotondo
Io non so nemmeno chi
Ha ragione e chi ha torto
Ma vuoi vedere che a ‘sto giro
Qui ci scappa il morto?!

Ognuno sceglie la sua forma di protesta
C’è chi ha steso fili di mutande
Fuori alla finestra
C’è chi vuole oltrepassare la zona rossa
C’è chi canta “Avanti Popolo, alla riscossa!”…

Genova Brucia!
Sono autorizzato dallo Stato
Eseguire gli ordini non è mica un reato e quindi
Genova Brucia!
Non faccio distinzioni
Donne, vecchi e bambini
Potrebbe essere mio figlio Carlo Giuliani?
Genova Brucia! Genova Brucia! Genova Brucia!

Mi ricordo una missione un po’ speciale
Genova 2001 squilla il cellulare
Con la suoneria di Faccetta Nera, sono fascista
Non credo sia una cosa di cui mi debba vergognare

Zecche, parassiti e comunisti
Ci mancava pure
Quella banda di teppisti
Con la tuta nera ed il passamontagna in testa
Con le spranghe fanno a pezzi tutti
E ci rovinano la festa

Parte la carica
Voi ve la date a gambe
Temete il manganello
O la pallottola vagante?
Tute bianche si riempiono di sangue
Sudore e lacrimogeni
Sparati sulla gente

Tu che ti rifugi nel cortile
Prenderai più botte
Che se fossi nato in Cile
La Costituzione
è come carta igienica:
Usala per pulirti il culo
O tamponarti le ferite!

Genova Brucia!
Sono autorizzato dallo Stato
Eseguire gli ordini non è mica un reato e quindi
Genova Brucia!
Non faccio distinzioni
Donne, vecchi e bambini
Potrebbe essere mio figlio Carlo Giuliani?
Genova Brucia! Genova Brucia! Genova Brucia!

Qui non serve a niente chiedere aiuto
Piangi quanto vuoi non ti risponderà nessuno
Non c’è Manu Chao e nemmeno il tuo avvocato
Canta la mia filastrocca: siamo a Bolzaneto!
“Un’ due tre, viva viva Pinochet!
Quattro cinque sei, fossi in te non parlerei
Sette otto nove, il negretto non commuove”

Ne è morto solo uno
Ma potevano essere 100
I mandanti del massacro
Sono ancora in Parlamento

Testo Genova Brucia Simone Cristicchi