Rap ItalianoSelloutTanta Roba o troppa roba?

Tanta Roba o troppa roba?

-

Alt. Il titolo è una porcata commerciale per attirare l’attenzione, in realtà non parliamo della Label di Harsh. Non nello specifico perlomeno.

Qualche giorno fa, ad uno degli aperitivi targati Hano al Gaina Cafè a Milano, mi sono trovato a parlare con Valeriano Zè, amico e boss del portale, del nuovo disco di Gemitaiz & Madman e un secondo dopo eravamo a commentare il singolo di Marracash, poi l’EP di Albe Ok e Sfera, il pezzo per Sky di Emis Killa, il freedownload di Caneda… oh, ci siam guardati e ci siam detti “Troppa roba“.

Bello, oggi davvero c’è una scelta infinita. Ogni mese escono tonnellate di prodotti.

E quindi?

La mia domanda è: quanto valore diamo a questi prodotti? Quanto tempo gli dedichiamo?

Non voglio fare il classico discorso del vecchio nostalgico (cioè, lì, all’aperitivo sicuramente poi io e Zè siamo implosi finendo per parlare dei Lyricalz… ma qui provo a evitarlo 🙂 ). Chiaramente il fatto che le tecnologie e le competenze portino una maggior facilità di produzione e, soprattutto, di distribuzione e promozione, rende il mercato, la scena, l’aria, piena di prodotti sempre nuovi, sempre diversi. E sicuramente non è vero che questo faciliti l’invasione di dischi scadenti. O, meglio, ovviamente è pieno anche di dischi scadenti che ottengono una visibilità che nei ’90 si sarebbero sognati (ce lo vedo Sid su Aelle a dare spazio a, chennesò, Bello Figo…), ma è soprattutto vero che un prodotto valido abbia più possibilità di farsi conoscere e diffondersi. E di farsi scegliere.

Da piccoli l’uscita dei dischi la sapevamo da Aelle, mensilmente, o alle jam, o dagli amici. E si finiva per comprare sempre pressoché alla cieca. Oggi è bellissimo poter scegliere cosa ascoltare e non andare in giro con un lettore CD e una playlist di 12 pezzi massimo. Però, mi chiedo, tutta questa abbondanza… Riusciamo ad ascoltare e apprezzare realmente il lavoro che c’è dietro a una canzone, a una strofa, a un disco? Oppure sentiamo, giudichiamo sommariamente e passiamo oltre?

Io leggo moltissimo i forum sull’Hip Hop e noto una cosa: c’è più hype per l’attesa di un disco che per il disco stesso. Pagine e pagine di discussione su come sarà, che suoni avrà, che feat compariranno, supposizioni, voci, trailer, teaser. Poi il disco esce: ah, ok. Next. Indipendentemente dal giudizio personale.

Sembra un po’ il Sabato del Villaggio, di Leopardi.

La mia domanda è: 950 di Fritz Da Cat, ad esempio, se uscisse oggi, verrebbe ascoltato, commentato, vivisezionato e criticato, bene o male, come è stato, per anni, oppure lo avremmo ascoltato, salvato i 3 o 4 pezzi dei nostri rapper preferiti e passati oltre? Al disco dopo. Poche settimane dopo.

Matteo Fini
Ricercatore e Autore.
@matteofinii
Per Hano ha scritto anche: Bamboccioni e Maestri, Con la ZEN da Fantini, E se Emis Killa fosse vecchia scuola?

Prof
Profhttp://www.matteofini.it
Scienziato prestato al Rap.

Le ultime

Marti Stone: fuori il nuovo ep “Spazio” e il nuovo video

L'eclettica artista Marti Stone ha pubblicato il suo nuovo ep dal titolo "Spazio" accompagnata dal video del pezzo: Spazio...

Fuori il video di “No problema” il nuovo singolo di Jack The Smoker

Jack The Smoker ha da poco pubblicato il suo nuovo singolo "No problema" con il quale ha dimostrato ancora...

Hill Maza e Killjoy presentano il nuovo album “Betelgeuse”

"Betelgeuse" è il titolo del nuovo album realizzato dai due artisti toscani Hill Maza e Killjoy. Tutte le produzioni delle...

Abbiamo bisogno di più pezzi come “Carattere” di Drimer

Lo scorso venerdì Drimer ha pubblicato il suo nuovo singolo "Carattere" che anticipa un mixtape che uscirà nel 2023...

Interviste

Questo, potrebbeInteressarti!
Selezionati per te!

buy windows 11 pro test ediyorum