Bardamù (Ph. Carlos Colón)
Soundtrack: Stray Bop

Credo che il rap sia il genere musicale più variegato. Negli anni, ha subìto evoluzioni, contaminazioni e cambiamenti tanto che oggi sembra difficile delimitarlo in un unico confine sonoro. Un’ulteriore conferma a riguardo, l’ho avuta con “Stray Bop”, il nuovo album dei Bardamù.

«Crossing the music, I wanna play my style»

Come scrissi tempo fa, ho conosciuto la loro musica con un brano, insieme a Tormento, che ha trovato la sua casa proprio in quest’ultimo progetto fatto di jazz e hip hop che va oltre l’aspetto musicale, che fonde la contemporaneità con armonie rétro, che si propone come un manifesto di suoni, linguaggi e movimenti culturali ispirato al bebop newyorkese anni ’40 e alla strada del rap dove s’incontrano culture, memorie e caratteristiche eterogenee. Questo disco nasce dal loro essere, da circa vent’anni, cittadini del mondo e dall’influenza che ogni luogo ha avuto nella musica e, più in generale, nella vita.

«It’s K. Sparks and it’s Bardamù, we do it better / Southside Killer Queens and we rock for ever»

Oltre a “Crossing”, il pezzo con Tormento, il disco è stato anticipato da “Think Of Me”, singolo che vede la partecipazione di K. Sparks al testo e alla voce. È proprio col rapper americano che il duo ha scritto e composto il brano che dà il titolo all’album, “Stray Bop”, uscito in radio e sul web il 27 settembre. Anche per altre canzoni incluse nel progetto sono stati chiamati ospiti di spicco del panorama internazionale come Dj OoO Child, Marianne Solivan, Latasha, Michael Imperioli, Arturo O’Farrill, Roldán (Orishas), Tata Guine e Changuito. Tutta la produzione musicale è stata realizzata dai Bardamù, così come il mixaggio, mentre il mastering è avvenuto presso gli Abbey Road Studios di Londra da parte di Andy Walter che in passato ha lavorato come ingegnere del suono per artisti come David Bowie, Jimmy Page, Coldplay, Kylie Minogue, U2, The Cure, Robbie Williams, Radiohead, The Bee Gees, The Who, Simple Minds e i Beatles.

«Life, I still roll the dice»

Stray Bop” non è solo musica, è lo stato d’animo di chi mescola realtà e culture senza confini di spazio o tempo, è il randagio che trova dimora nelle sensazioni buone, è il nerd che ama il jazzy rap e coglie l’omaggio a Spike Lee nel video del singolo, è un’evoluzione che, ancòra una volta, contamina in modo genuino il rap.

«Segue le luci del blues, scava sempre più giù»

Bardamù Stray Bop Tracklist e Testi

Bardamù - Stray Bop (Cover Album by Giorgio Galimberti)
Bardamù – Stray Bop (Cover Album by Giorgio Galimberti)

Tutti i Testi di Stray Bop sono disponibili cliccando la canzone corrispondente in tracklist.

  1. Stray Bop feat. K. Sparks, Dj OoO Child, Marianne Solivan
  2. Space feat. Latasha
  3. Crossing feat. Tormento
  4. Intermezzo feat. Michael Imperioli
  5. And we will dance the love feat. Marianne Solivan
  6. Think of me feat. K. Sparks
  7. Ciudadano del mundo feat. Arturo O’Farrill, Roldán (Orishas), Tata Guine, Changuito
  8. Roll the dice
Donato Cerone
Freelance thinker. Adoro l'economia, ma la tradisco con la comunicazione ed il marketing. Amo il rap e l'hip hop culture, ma ho il vizio del rock. Cogito ergo scrivo su Hano a.k.a. Tutto quello che scrivo è riconducibile solo e soltanto al mio pensiero anche quando differisce da quello degli altri Hanengers.