La prima volta che ho visto Cromo, non sapevo chi fosse, era solo un ragazzo come altri che apriva il concerto di un collega. Il concerto in questione era il live di Vegas Jones ai Magazzini Generali di Milano, di solito non presto attenzione ai ragazzi che aprono i concerti, a meno che non li conosca, ma in quelle occasioni in genere sono sempre al bar o fuori a fumare l’ultima sigaretta, quella sera però non è andata così. Cromo è salito sul palco e io come tutto il pubblico presente ne siamo rimasti colpiti, era uscito solo un suo singolo “Cromitoloco”, e tutti lo cantavano a squarciagola. Inutile dire che sono stata letteralmente rapita da questo ragazzo di appena 19 anni e dalla sua abilità nel rappare e nel tenere il palco, ne sono stata talmente rapita al punto da affrettarmi il giorno dopo a chiedere al suo management di potergli fare qualche domanda.

Da allora Cromo ha pubblicato il video “Tonico” che ha raggiunto, come “Cromitoloco”, un milione di visualizzazioni su YouTube e un milione di ascolti su Spotify, risultati da far girare la testa a chiunque, soprattutto a un ragazzo di così giovane età, eppure Cromo se lo merita tutto, è un talento, uno di quelli veri, capace nella scrittura dei testi, nel rappare e nel creare in ogni suo pezzo uno slogan che resti nella mente degli ascoltatori, tanto da entrarti nel cervello e rimanerci per settimane. Questa è un’abilità rara, che pochi hanno e che mi ha riportata indietro nel tempo, a quando per la prima volta sentì “Applausi per Fibra”, in questo Fibra è il maestro indiscusso in Italia e credo che Cromo abbia tutte le carte in regola e le premesse per poter diventare il nuovo talento del rap moderno.

È uscito oggi per Atlantic Records, “Italieno”, il suo nuovo singolo, prodotto da Boston George con la partecipazione di Vegas Jones. Mercoledì sono stata alla presentazione di “Italieno” e, oltre ad aver visto in anteprima il video in uscita il prossimo 31 ottobre, ho avuto modo di fare due chiacchiere con lui.

“Italieno” è il tuo terzo singolo e i due precedenti hanno raggiunto numeri da capogiro

“Sì, stanno andando bene, sono contento. Non mi aspettavo che raggiungessero subito questi numeri, invece ho visto la gente di Genova molto più pronta rispetto a quello che era il pubblico di 2/3 anni fa. Non c’era tanto pubblico a Genova, invece ora ho visto che ci sono tanti ragazzi che idolatrano questo genere musicale e questo ha fatto sì che crescessero gli ascoltatori ed è successo quello che dicevamo”.

E’ la prima volta che hai un evento per l’uscita di un tuo singolo, come la vivi?

“Sì sono un novello in tutto questo e sono molto contento e orgoglioso, anche perché sono affiancato dal mio manager, Don Joe, con il quale stiamo lavorando tantissmo, sono contento anche perché tutta questa situazione nuova è come se me l’aspettassi”.

In “Italieno” hai il featuring con Vegas Jones, tu avevi aperto il suo concerto a Milano e tutti cantavano le tue canzoni, una cosa che non avevo mai visto prima…

“Mi sono stranito anche io quella sera ai Magazzini prima di Vegas, poi lui ha spaccato tutto perché è un mostro sul palco, però sono rimasto stupito che sapessero tutti le canzoni, ho visto tutti che cantavano ed è stato bellissimo perché era la prima volta che mi esibivo a Milano, mi sono sempre esibito a Genova, invece ora stiamo girando tutta l’Italia e sono contento”.

Questo singolo anticiperà un disco?

“Italieno anticipa il disco che stiamo facendo e subito dopo l’uscita del video daremo tutte le informazioni, ma manca davvero poco perché il progetto è quasi del tutto concluso. Abbiamo lavorato tantissimo, ci sono un sacco di melodie, sia dal punto di vista dei testi, sia dal punto di vista metrico e tecnico, ci sarà tanta melodia nel disco e sono contentissimo”.

“Italieno”, sei un italiano alieno per fare un gioco di parole?

“Esatto, diciamo che abbiamo puntato molto su questa cosa perché noi intendevamo sottolineare la novità, quindi il fatto di essere italiani ma con quel qualcosa in più che ci rende italieni, anche un po’ per distaccarci dal mercato musicale. Io e Vegas siamo mega orgogliosi di essere italiani ma ci sentiamo degli alieni all’interno di questo campo”.

E lo siete entrambi. Questo è quello che vuoi portare avanti come simbolo della tua musica?

“Sì, diciamo che ogni volta che lavoro a un pezzo, si propone da solo, in modo spontaneo, non lo faccio apposta, uno slogan, come Cromitoloco, Tonico e Italieno ha in sé vari aspetti e lo sento molto mio, molto nostro”.

Diciamo a chi non ti conosce perché dovrebbe ascoltare questo singolo

“Perché è sicuramente qualcosa di nuovo, ne siamo fermamente convinti e abbiamo lavorato molto per renderlo particolare e quindi non vedo l’ora che lo possano ascoltare tutti”.

La serata di mercoledì é stata presentata da Michele Wad Caporosso che ha tenuto a battesimo il giovane rapper genovese alla sua prima esperienza con un evento ufficiale per l’uscita di un singolo.

Dopo aver ascoltato e visto il video di “Italieno“, posso solo presumere che sarà l’ennesimo successo per Cromo e che il disco in arrivo lo porterà da protagonista ai Magazzini Generali di Milano con una bellissima data sold out.

Cromo