Si è svolto ieri sera allo Scalo di Porta Genova a Milano il primo Concert in The Sky organizzato da Timberland. Una location esclusiva, un maxi schermo e una piattaforma a 40 metri d’altezza che ha ospitato sua Altezza, il King del Rap Marracash.

Marracash foto di Matteo Bellomi

L’occasione è la presentazione di Flyroam, la nuova sneaker firmata Timberland, caratterizzata dalle linee sagomate e aerodinamiche dotata della tecnologia AeroCore™ Energy System che la rende molto leggera e con un’imbottitura interna che permetta la massima libertà di movimento.

Be Light, Be Fast, Be Free è il mantra di Flyroam che ha ispirato il Concert in The Sky, pensato per andare oltre ogni barriera. Da “on air” a “in the air” il passo è breve e se le Flyroam sono pensate per andare oltre ogni barriera, c’è solo un nome nel rap italiano in grado di farlo e quel nome è Marracash.

Marracash foto di Matteo Bellomi

Eccolo, il King del Rap salire, sprezzante del pericolo e noncurante dell’altezza e delle vertigini, a 40 metri di altezza e regalarci lo show migliore di sempre. Da Principe di Barona a Re del cielo, Marra ha cantato i suoi pezzi migliori da Status a Santeria, per poi tornare sulla terra con noi comuni mortali e regalarci “King del Rap” e “Nulla Accade” con un live che sicuramente resterà nella storia.

Da brivido sentirlo cantare “Brivido” lassù nel cielo e ancora più da brivido quando in piedi sulla piattaforma ha fatto ballare tutti con la tamarrissima “Scooteroni”, Marra, il cui disco lo stiamo aspettando tutti come fossimo davvero i parenti di un detenuto, ci ha dimostrato ancora una volta di che pasta è fatto l’unico e assoluto KING DEL RAP.

Marracash è il rapper che non ti stanchi mai di ascoltare, che puoi vedere live 100 volte ma ogni volta è come se fosse la prima e alla fine di ogni volta ti lascia sempre addosso quella voglia di vederlo ancora e ancora sul palco, quella voglia di salire in macchina e mettere un suo cd e cantarlo a squarciagola, che sia “Marracash”, “Status”, “King del Rap”, “Fino a qui tutto bene” o “Santeria” non importa, Marra è come una droga ed è l’unico rapper italiano capace di unire l’intera scena, dai colleghi, ai fan, fino agli operatori del settore, la sua grandezza è unica e riconosciuta da tutti e vederlo sovrastare la sua Milano a 40 metri sopra il cielo ieri, è stata un’emozione indescrivibile.

Tutte le foto a cura di Matteo Bellomi.