Clementino, Vulcano
Clementino, Vulcano. Il nuovo album
Loading...

Leggi il testo A Capa Sotto Clementino. “A Capa Sotto” è il nuovo singolo di Clementino estratto dall’album “Vulcano“. Abbiamo intervistato Clementino sul suo nuovo album. Testo A Capa Sotto

Testo A Capa Sotto Clementino

[Intro]
Iena White, bastard
Ye, ye, Ahi!

[Strofa 1]
Te mett’ ‘a capa asott ‘ngopp ‘a base, boom bap
Iena White rint ‘o rap nun ‘o surpass
You must frà, fatt ‘o gir Tour Bus
Che la gente sotto il palco vuole più gas
Weeda ultras che ti azzecca sul lampione
Brò, chest è best clan, ehi frà, fa attenzione
O’ playground, che sound, tu Rita Pavone
E la Ferrari contro il Califfone (ciaone!)
Ti autoproclami re di tutto frà, ma sei un coglione
La città non vuole re, figurati se vuole te
Io sono servo di NA, tu chiedi al rione
Io faccio Iena Savastano al centro del ciclone
Ti spacco i cromosmi
Avete i flow che sono tutti uguali, monotoni
Lo show dei pomodori
E quant’è vero che ti straccio
A fare il rap perdi con l’animatore, il bambolero nel villaggio!

[Ritornello]
E cupiat ‘e piezz rap american, ‘o sapimm
Può fa’ fess a n’atu frat, ma no a chi ce sta arint
Ij cu nu milion e miez e flow te spezz e rin
Tu cu chella faccia, al massim stai aret e quint
Tu fai rap in italian, ma nun sai parlà italian
Clementon è nazional, tal e qual e taleban

[Ponte]
E vien mo’ t’appiccij ‘a cap
Serij tien ‘e spiccij ‘man
‘Ngopp ‘o rap tu ‘a sasiccia
Ij ‘o spavett a riccio ‘e mar

[Strofa 2]
Te mett ancor sott ‘e pret e fum nu peniell
Tu me vuò fott’r r’aret, stu turz ‘e penniell
Appiccij ‘sta Marlboro, ca te cant ‘a pazzarij
Cinquanta rient r’or, frà me par ‘o cazz mij
Io c’ho le rime sulla fascia, col tuo cranio crosso
Le tue rime come l’olio scivolano addosso
E la tua faccia sembra un misto, Fantozzi e De Niro
Hai bisogno delle doppie, ti strozzi dal vivo
Sij nu rit n’gul chin e’ sabbij
Vir e sbaglij, vic e scaglij
O’ genio ro’ flow ten ‘e rime ca scabbij
Sti rappers sicchij ‘e naft
Me son n’miez e nacchere
O’ live ‘o chiamm Gragnano, perchè so sul pacchere
Ma qual roccia, sij nu cioccio
Frà vaj a part e ret
Vatten a Grecia, perchè tu me par a pall e’ cret
Mo ca esc ra ca’ dint t’aggià piglià a muorz
Eh eh, e si nu strunz cacat ca forz

[Ritornello]

[Ponte]

[Strofa 3]
E mi levo lo sfizio, signore dica “Watson”
La sera fumo plancton, perché non te ne vai?
Ti sputo dopo il pasto, Okuto il flow che incastro
Dal vivo sembri il cazzo, ma veramente fai?
Potrei farti del male ma preferisco usarti come carta da cesso
Tu guarda quanta passa appresso
Un pacco da festa, ti mando a prendere una rima
Ti stacco la testa, la vado a vendere a Resina
Vuò fa’ ‘o bellill? Io mangio venti crudi
I’m born to kill, come Stanley Kubrick
Dammi il tuo album e l’erba
Che vado alle Olimpiadi con il lancio del disco di merda
Me fatt e pall a’ ‘nzalat
Can ‘e pecr, parl mal re radij
Po’ faj e piezz ancor chiù pagliaccij
Sij ‘o rre re tranci e pizz, va a fa’ ‘e somm senza stress
Parlammece chiaro, sij nu scupettin ro cess!

[Ritornello]

[Ponte]x2

Testo A Capa Sotto Clementino

Loading...

Lascia un commento