Loading...

E’ un torrido fresco gelido mattino di qualche giorno prima di primavera, sono in zona Ortomercato nel mezzo delle mie consegne e penso: “ma MixUp che cazzo di fine ha fatto?!” (so che la risposta per voi sarà tipo: “ma sti cazzi?!” o anche “stavo pensando la stessa cosa”)…boiate a parte, lo contatto e gli chiedo “bro ma che fine hai fatto?!” e lui “sono qui ti sto scrivendo”…va be, tra una consegna, una attesa di ritiro, e un caffè, stilo giù un po’ di domande aiutato anche dal mio staff (ungia) visto che a fare le domande scritte senza un rapporto umano, non sono buono…e ne è uscito questo:

Un buon giorno a voi e un buongiorno a te caro Mixup.

Siamo giunti al momento catartico dove Hano ti chiede un po’ di cagate atte al fatto di voler saper cosa bolle nella tua pentola. È uscito da poco il tuo nuovo video dal titolo “Guarda e impara” su produzione di Garelli, che dopo “Anzi no” è il secondo brano prodotto da lui….sta nascendo l’Hanore tra di voi? Devi dirci qualcosa?

Un saluto a Carlito e tutta la redazione di hano.it! Parto permettendomi di correggervi, perché “Guarda e Impara” è prodotta da St. Luca Spenish (eccheccazzo!!! ndr)! Con il quale, dopo questo brano, inizierò a collaborarci. Abbiamo già un po’ di idee in cantiere, pronte per essere trasformate in bombe, e poi sganciate. Per quanto riguarda Garelli, lui ha prodotto tutto il mio ep (Reportage) insieme ad altri pezzi, tra cui “Anzi No” ed altre cosette che ascolterete in futuro. Gara è un fratello. Ci sentiamo spesso, sia per lavoro che per altro. Continueremo sicuramente a collaborare.

È passato tanto da “The Flow”, sei un po’ sparito televisivamente parlando, e anche musicalmente parlando sei un po’ più lento dei tuoi colleghi… cosa stai combinando?

Beh, a dire il vero la televisione non è che ne voglia sapere più di tanto del Rap. Molti artisti, oggi, fanno numeri sul web e rimangono lì, senza essere ospitati in televisione. A parte qualche caso specifico. Di conseguenza diminuiscono i programmi. Per questo motivo, ma anche per molte altre ragioni. “The Flow” è finito perché Deejay ha venduto l’emittente, così come Mtv. Niente di più e niente di meno. Più lento non direi, ora stiamo uscendo con un video al mese e aumenteremo il ritmo. Sono stato “fermo” per un periodo, poiché avevo una serie di sbatti da risolvere, tra cui “distaccarmi” da certe persone, intraprendere nuove strade, conoscere nuova gente, cambiare abitudini e molto altro.

Ho avuto un po di proposte, da parte di alcuni “personaggi”, ma al momento preferisco lavorare con chi dico io. Poi, stiamo lavorando ad un nuovo format di cui non posso svelare nulla, oltre ai miei video, eventi etc, quindi in realtà stiamo andando a tutto gas. In conclusione: Nuovi brani\video, progetti nuovi, un format, scrivo recensioni per Rolling Stone e Nintendo (con la quale sono in stretto contatto), lavoro in “Vans”, partecipo ad eventi e molto altro. Insomma, vedrete.

Ma la fine di “The Flow” (e poi chiudo ‘sto capitolo) lo vedi come un tuo fallimento o come un fallimento delle tv nei confronti del rap visto quello che è successo recentemente con HipHopTv? E che fine ha fatto il progetto “The Flat”?

Fallimento mio non di certo. Per il semplice fatto, che ho condotto “The Flow” da quando è iniziato a quando è finito. Quasi quattro anni. Ed è finito insieme ad altri programmi, dopo che è stato ceduto l’emittente. Quindi, non è un problema mio\nostro, di mancanze, capacità o qualsiasi altra cosa che ti possa venire in mente, ma semplicemente, una decisione presa da chi di dovere. Business. Per quanto riguarda gli altri programmi, non ne ho idea. Ad esempio, Hip Hop Tv non so perché non ci sia più. Mi sono arrivate un po’ di voci, ma davvero, non ne ho idea. Comunque, la televisione ha dato più voce al genere qualche anno fa. Quando il Rap è ritornato veramente di moda. Ora si, va, ma chi c’è in tv? Tre nomi. Anche perché di tutti quelli che oggi fanno i numeri, quelli che vendono veramente sono pochi, e anche quei pochi non hanno lo spazio che meriterebbero. E’ un discorso super ampio, ma credo\spero di avervi almeno dato qualche risposta adeguata, per farvi capire la mia visione delle cose. Poi, per il resto, ne parliamo al bar davanti ad una birra, altrimenti sto le ore sul macbook. “The Flat” è momentaneamente fermo, per il semplice motivo che abbiamo intrapreso un altro metodo\team, con cui portare avanti il progetto. Non vedo l’ora di spoilerarvi con chi e quando. E’ mooooolto interessante.

Cloni su cloni su basi sempre più uguali tra di loro e stesse movenze nei video, il rap, o trap, ma comunque il movimento, è nel suo momento più florido e proficuo, come la vedi?

Questa cosa mi fa super sorridere, ora mi spiego. Io amo la trap. Amo sentirla in macchina, rapparci sopra o ballarla. Penso, però, che attualmente faccia un po ridere la situazione in Italia. C’è tutto e niente, dicono tutto e niente. Io sono fan del rap ignorante, ma come sono fan di tutto ciò che mi trasmette un’emozione, che mi faccia piangere, sorridere, pensare, divertire, incazzare e\o appunto, farmi sentire ignorante e gasato allo stesso tempo, ben venga. Che sia Rap, Trap, House o altro, se mi trasmette qualcosa, mi va bene. Ma, attualmente, molti artisti sono la copia di roba che andava due\tre anni fa, che paradossalmente, era la roba che trasmettevamo in diretta a “The Flow”, per la quale la gente ci rompeva le scatole, chiedendoci: “Ma cosè’ sta merda? Vogliamo il vero Hip Hop”. Ed ora tutta sta gente osanna un genere, che in altre parti del mondo, ha già preso tante forme diverse, ma che qui, verranno “accolte” (forse) e assimilate chissà quando. Sta già andando altra roba, oltre la Trap, però vabè, oggi sono tutti malandrini con i drammi in casa, quindi facciamoli fare i “trap criminal boss“.

In sostanza, io amo la trap. E’ giusto che ci sia, che venga ascoltata e proposta dagli artisti. Ma davvero, tutti sono uguali a tutti, che copiano tutti roba vecchia, spacciandola per nuova. Alcuni artisti hanno “riportato” la Trap nelle nostre case, ma non hanno inventato un genere nuovo, come dicono di aver fatto. Dai raga, su. Io vado in fissa per gli artisti di Chicago o Atlanta. Vi posso assicurare, che molti video di artisti Italiani che fanno Trap, sono identici a video di Chief Keef, Fredo Santana, Skippa Da Flippa etc etc.. Ma non simili, identici. Solo che tutta questa gente che ho citato, ha la mia età, ed è già agli arresti. Molti muoiono, molti spacciano, molti si chiudono davvero nelle trap house a cucinare la cocaina. Qui da noi? Ecco, appunto. Secondo me, non è un problema di cos’è Hip Hop, di cosa è trap, di cosa è nuovo o vecchio. E’ proprio che manca credibilità in Italia. Se fai il malandrino nei pezzi, come quelli Americani a cui ti ispirai, poi, però, devi fare veramente il malandrino. Non sei credibile, appunto. Altrimenti ognuno si improvvisa criminale e inizia a fare trap. Insomma, ci siamo capiti.

Detto ciò, mi piace molto Rkomi, Ghali e qualcun altro. Io sono fan degli artisti completi. Vedi Guè e Marra. Ognuno può esprime il proprio parere, ma non puoi dire che non siano dei capi. Da anni, fanno dischi, in cui affrontano ogni tipo di stile, moda del momento, sound e tema, risultando sempre versatili, completi. In “Status”, ad esempio, c’è tutto: passato, futuro, drammi personali, amore, droga, ignoranza e molto altro. Quindi non posso annoiarmi. Oggi conta solo come ti pubblicizzi, anche se non hai nulla da dire.

Da “Young Veteran”, come a volte ti definisci, chi è il prossimo giovane che spaccherà? Nell’ultimo pezzo hai propsato Laïoung, facci altri nomi anche se non sei l’Anagrafe (Cit.)

Sai che non saprei dirti? Come ho risposto nella domanda precedente, trovo interessanti artisti come Rkomi o Ghali. Ovviamente anche altri. Poi ci sono molti nomi che stanno uscendo. Ma esce talmente tanta roba trita e ritrita, che attualmente non so rispondere, giuro.

Il tuo prossimo disco sarà ancora un free download o un album ufficiale? Dove ti collochi nella scena adesso?

Penso che uscirà ancora qualcosa in free download, ovviamente. Più avanti svelerò tutto.

Io, comunque, mi sento parte del movimento, della scena e di tutto quel che vuoi, ma allo stesso tempo, mi sento distante da certe realtà. Può andare come risposta?

Parlaci della collaborazione con Nintendo, il pubblico del rap spesso storce il naso davanti ai rapper nelle pubblicità/collabo con grossi brand. Dopo Nintendo è aumentato l’hating (anche perché in passato hai avuto un sacco di critiche)

Ah davvero è aumentato l’hating? Strano, non me ne ero accorto. In Italia se sei giovane e fai tante cose, o vieni etichettato come riccone figlio di papà o sei semplicemente uno stronzo. Scherzi a parte, purtroppo non posso svelare più di tanto, posso solo dirvi che nasceranno delle cose molto interessanti. Al momento, scrivo recensioni di videogiochi, per loro e Rolling Stone, appunto, come vedete tutti voi dai social. Ma ovviamente, ci sarà di più.

5 canzoni che non devono mancare nelle tue auricolari?

Finita l’intervista, mi mangerò le mani, per averne dimenticate mille. Vi dico 5 brani con cui sono in fissa ora. Proviamoci:

  1. J Cole – 4 your eyes only
  2. Vince Staples – Senorita
  3. Rkomi – Sissignore
  4. Kanye West – Real friends
  5. Migos – Bad and Boujee

Sono le prime cinque che mi sono venute in mente, che ascolto attualmente. Ho limitato il campo, altrimenti ci stavo le ore.

Siamo arrivati alle domande intelliggienti di Hano:

Angolo della sHanpista: raccontaci un pettegolezzo

Alcuni artisti hanno provato a chiedere alla mia ragazza di partecipare ai loro video. Richieste rispedite al mittente. Ho l’esclusiva! LOL.

Angolo MarzulliHano: guardi imparando o impari guardando?

Guardo imparando perché imparo guardando, siccome l’autore del brano.

Angolo della puttana: prostituisci MixUp

Il mio pezzo è un gigolò, perché la scena è già piena di puttane.

E oserei dire che con l’ultima risposta, il nostro Marco Nazionale, ha riassunto un po’ il concetto del suo pensiero.
State connessi con lui sulla sua pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle sue evoluzioni, involuzioni o qualsiasi altra cosa possa bollire nel pentolone del rapper!

Grazie ancora del tempo datoci, al Mix per l’intervista, e a voi per la lettura.

Stay Hano!

Loading...