Loading...

Leggi il testo Cerbero En?gma. “Cerbero” di Enigma è prodotto da DAIBKIZ. Leggi il testo

En?gma – Cerbero (Testo)

resto solo coi miei dubbi, perso in volo tra le nubi
carro armato il flow ma con il cuore come Fury
fare i duri è vano se sul beat non ti denudi
tu t’illudi che decifri la mia roba non sei Alan Turing

Pupi sulla traccia come Avati, fatti avanti
vengo pure solo contro falangi d’infanti
infatti, no che non scendo a patti,ho ideali compatti
compà combatti con monete a me non puoi comprarmi

e calmi, con quest’ansia di sposarsi a forza
fai famiglia, metti incinta per salvar la coppia
tu vuoi sapere la mia firma stronza
io se ti bacio lascio enigmi sulla bocca e sembri la Gioconda

bombarda, ‘sta lingua è una mitraglia
47 Ronin con l’ AK, vai scappa
ciò che fa impallidire hombre non distrugge
forse cambia e incattivisce, Jimmy Whitey Bulger

a volte mi chiedo ma se t’ammazzi?
che mondo lasci?
dove ne prendi pure il doppio se sei debole e t’accasci
dove i sorrisi falsi sono prassi cosi come i freddi abbracci

pazzi, siamo pazzi , appunti sparsi senza sintassi
passi da scalzi nei ghiacci
tipo che ancora in giro si parla di fasci
ed io che allora riempirò quaderni come Antonio Gramsci

passi, passi il paradosso del tenente quando viola quella legge che difende
poi, passi pure il parroco che offende proprio il culto che va a spargere alla gente
i lupi adesso pascolano il gregge!?

merde qua al tg diffondono leggende
fuori fanno i poveri ma ai saldi tutti a spendere
e intanto pare il soldo mica cambi il nostro rapper
caso strano però ormai parla di quello solamente

nella mente un arsenale, testa va dove le pare
giro con un fare cupo e col rancore come Tarek
male, mi vedo male, pieno di pare che palle
ma meglio di chi s’avvale di balle e si crede ad Harlem

fate fate, travestite trappate, mascherate in cazzate
‘ste pensate insensate
io poeta vate qua nei secoli dei secoli
scrivo da pellegrino i miei racconti di Canterbury.

il male aspetta ch’io dorma, la parola si forma
io mi tengo l’insonnia
se mi chiedi come va, qui che l’ansia si somma
io che abbraccio l’insonnia

mica la finisco, faccio ciò che voglio preferisco
essere me stesso me ne assumo tutto il rischio
scusami se insisto, scusami se parlo e se ferisco
ma sono un Libertino, John Wilmots

fisso, bene i miei ricordi ma capisco
quando mi pedinano li scanso e li depisto
ma se s’avvicinano son ganci, Sonny Liston
e quelli belli sono falsi, non esistono

amigo si ma quale peace and love
che tanto qua pure gli amici poi ti dissano
bambino sappi che le favole finiscono
tutti infelici qui i contenti manco vissero

si mi faccio grande, dico quattro balle
dopo che mi sgami me la fuggo Barry Allen
Flash, basta con le chiacchiere che stress
che tanto dopo il “ciao” già che mi parlano alle spalle

il male aspetta ch’io dorma, la parola si forma
io mi tengo l’insonnia
se mi chiedi come va, qui che l’ansia si somma
io che abbraccio l’insonnia

Testo Cerbero Enigma

Loading...

Lascia un commento