"Redenzione", il nuovo album di LowLow
Loading...

Leggi il Testo Arirang LowLow, estratto dal nuovo album di Lowlow, “Redenzione“. Leggi il testo Arirang.

Testo Arirang LowLow

la gente pensa che dentro sia una persona amara
volevo solo che i cattivi avessero una chance
perché il loro oblio ha qualcosa di struggente
libero dalle catene del giudizio della gente,
libero dalle rime, libero dalle pastiglie.
Niente da insegnare, non voglio figli né figlie
vorrei soltanto essere una sagoma di gesso,
un angelo disegnato al suolo fra i cocci di bottiglie.

Ho perso lei, ho trovato chi sono
ho perso un amico e mi è caduto il cielo
ho perso lei, ho trovato chi sono
ho perso un amico e mi è caduto il cielo
ho perso lei
ho perso lei e ho trovato chi sono
ho perso lei mi è caduto il cielo

per addormentarmi racconta una storia bella
di un bambino intelligente con un’ottima pagella,
si sente insignificante come la particella
di sodio in quella vecchia pubblicità di merda.
Il ragazzo c’ha un amico, è l’unico di cui si fida,
l’amico è un tipo strano, ha una forma di apatia,
hanno una passione in comune, quella di odiare la vita,
di amare i film d’autore, gli aereoplani e la poesia

oro, rose, oasi, astri,
scherzi, sogni, odio, orgasmi,
organi, cemento, armi.
Ho pensato di ucciderti e anche di suicidarmi
ma in fondo chi non l’ha fatto?
Vedi, non siamo speciali affatto.
Mi piacerebbe vivere nel tuo stereo,
mezzanotte e 00, esprimi un desiderio

c’ho messo tanto a imparare a rappare semplice,
ricordi quel periodo assurdo in cui rappavi pure te?
Ricordi quando il dolore noi non riuscivamo a esprimerlo?
L’insicurezza ed essere in balia dell’opinione altrui,
le canne sopra una panchina, assenti, in preda a piccoli problemi
oppure presi da un’intesa folle e risate sguaiate
a tredici anni a trastevere ubriachi scalzi
salto sul muro, il calcio volante di matrix,
la cultura si misura in base all’ambizione
e l’ambizione si misura in base alla cultura
il nostro retaggio, il coraggio, la ribellione,
bruciando lentamente in una camera arancione
e poi – ultima cosa – ci tenevo a dirti che quando parlavi
della fortuna avevi ragione,
io parlo di niente e tutto, parlo del tuo inferno,
di te ascoltatore ipocrita, mio simile, fratello

oro, rose, oasi, astri,
scherzi, sogni, odio, orgasmi,
organi, cemento, armi.
Ho pensato di ucciderti e anche di suicidarmi
ma in fondo chi non l’ ha fatto?
Vedi, non siamo speciali affatto.
Mi piacerebbe vivere nel tuo stereo,
mezzanotte e 00, esprimi un desiderio

quando sogno io vedo la madonnina,
mi piace perché è d’oro e troneggia sopra il duomo,
poi mi sconvolgo e penso che la mia vita
è bella solo nell’idea di ciò che credi che sono
ma io vorrei salvare quei momenti,
tirare su dei tempi che col tempo tu contempli,
catturare i frammenti belli e poi farci un mosaico,
psycho dramma, vivo la boheme dell’arte che osanna solo i talenti. Aahhh

stare da soli è bello ma è una cosa strana,
nel mio lavoro l’amicizia è una nota stonata,
l’unico modo purtroppo è offendere tutti,
prima di tutto chi si ama.
Stare da soli è bello ma è una cosa strana,
nel mio lavoro l’amicizia è una nota stonata,
l’unico modo purtroppo è offendere tutti,
prima di tutto chi si ama.

Oro, rose, oasi, astri,
scherzi, sogni, odio, orgasmi,
organi, cemento, armi.
Ho pensato di ucciderti e anche di suicidarmi
ma in fondo chi non l’ ha fatto?
Vedi, non siamo speciali affatto.
Mi piacerebbe vivere nel tuo stereo,
mezzanotte e 00, esprimi un desiderio

Testo Arirang LowLow

Loading...