Loading...

J-Ax e Fedez sono due personaggi eclettici che fanno discutere. Il primo è accusato di essere un venduto già dai tempi in cui seicento mila persone avevano in casa le prove, all’altro gli si punta il dito contro per avere mollato il rap in virtù di una musica pop-hoolista.

A breve uscirà il primo album in coppia a cui seguirà un tour criticato ancora prima di iniziare per via del costo dei biglietti, ma, in ordine di tempo, ciò che ha fatto più discutere è stata la title track, già pubblicata solo su Spotify. Nella canzone “Comunisti col rolex” i fondatori di Newtopia fanno un bel po’ di nomi illustri. Da Salvini (politico che di certo non rientra fra le simpatie di Ax, tanto meno in quelle di Fedez) alla Santa Sede (la cui schiccherìa è una tematica già affrontata da Fedez) passando per Jovanotti, senza dimenticare Maria Elena Boschi, Sabina Guzzanti, Gianluca Vacchi, Che Guevara, Fidel Castro, Manu Chao, Paolo Brosio, Flavio Briatore, Fred Vargas, Lucio Battisti, Enrico Berlinguer, Groucho Marx, Cristoforo Colombo e Tiziano Ferro (certo che si sono messi d’impegno per trovare tutti ‘sti personaggi, eh?!). Citare proprio il Tizianone nazionale ha scatenato la polemica. Nello specifico, Fedez inizia la sua strofa cantando:

Tiziano Ferro si è comprato l’attico di fianco a Fedez / con i soldi risparmiati a cena con il fisco inglese / io che se apro un conto a Tokyo parte la caccia alle streghe / anche se in conferenza stampa dico “sono giapponese”

Apriti cielo. Non si tocca Ferro. Tiziano non va dissato.

Partiamo dal presupposto che uno cardini dei testi di Ax e Fedez è l’ironia, quindi bisognerebbe ascoltare la loro musica con leggerezza per farsi due risate, non con superficialità. Fanno pure ironia su sé stessi rappando:

“Il cuore di un punk rocker / Vuole la rivoluzione / però s’innamora di una top model”

Oppure

“Figlio di un’impiegata che a 40 anni ha perso il posto / mi sono fatto i soldi con la penna e un po’ d’inchiostro”

Poi serve tenere a mente che nel rap esistono le punchline. Anche se la loro musica mescola diverse sonorità, la matrice è rap, nel loro background c’è rap, entrambi vengono dal rap. Tuttavia, so bene che il cosiddetto content is the king spesso e volentieri abdica in favore di view & click bait, ecco perché fioccano titoli come “Comunisti col rolex di J-Ax e Fedez con attacco a Tiziano Ferro” o “Fedez: Tiziano Ferro, ecco perché l’ho attaccato“.

L’oggetto della mia riflessione si snoda fra l’hating e la mancata comprensione del testo. Sono anni che Ax viene attaccato o sminuito dai media, stessa cosa per Fedez (anche se da meno tempo per questioni anagrafiche). Lo sappiamo tutti, compresi gli hater, ma loro, anziché fare le vittime, controbattono sempre e comunque, scalano classifiche, macinano vendite e questo perché sanno comunicare, sanno cambiare e sanno vendersi. Se qualcosa non è gradita non dev’essere per forza di cose travisata. Inoltre, assistiamo sempre più al dilagare della competenza incompetente, basta pensare che c’è chi scrive che il titolo del brano sia “Bella ciaone“. Spesso chi è tenuto a svolgere un’attività non ha la capacità di svolgerla, magari questo è il motivo per cui un testo non viene compreso.

La vera chiave di lettura del pezzo sta in fondo, nell’ultima strofa che ha il sapore di una liberazione con dentro una verità assoluta:

La verità è che certa gente ti odia sempre / Tanto vale farsi odiare facendo quello che ami veramente

Di seguito trovate un video in cui sia Ax che Fedez spiegano il proprio punto di vista. Buona visione.

 

Loading...

Lascia un commento

Condividi
Donato Cerone
Freelance thinker. Adoro l'economia, ma la tradisco con la comunicazione ed il marketing. Amo il rap e l'hip hop culture, ma ho il vizio del rock.