God's Son
Loading...

Buon CompleHANO a “God’s Son”, sesto album di Nas!

Correva l’anno 2002 e Nas pubblicava per la Columbia/Ill Will Records il suo sesto album solista dal titolo “God’s Son”: si, avete capito bene, sono già passati 14 anni, quindi Buon CompleHANO!

Buon CompleHANO14 brani, produttori illustri quali Salaam Remi, Chucky Thompson, Ron Browz, e The Alchemist e featuring di Bravehearts, Claudette Ortiz, Kelis, 2pac e J.Phoenix ed Alicia Keys.

Tre sono stati fondamentalmente i singoli estratti da questo disco: il primo “Made You Look” prodotto da Salaam Remi con il campione del break forse più campionato nella storia del Rap: “Apache” degli Incredible Bongo Band.

Il secondo è un po’ meno hardcore del primo, ma il campione di “Per Elisa” di Beethoven, ed il break di “Impeach The President” degli Honey Drippers lo fa diventare un classicone: stiamo parlando di “I Can”. Messaggio positivo per i giovani:

“Be, B-Boys and girls, listen up / You can be anything in the world, in God we trust / An architect, doctor, maybe an actress / But nothing comes easy it takes much practice”.

Ultimo brano che vi vorremmo ricordare è “Warrior Song”, prodotta da Alicia Keys che ha sapientemente usato il campione di percussioni di Fela Kuti “Na Poi”.

Il disco è considerato uno dei lavori migliori di Nasir Jones: un disco maturo, dove l’artista cerca di passare un messaggio positivo alle nuove generazioni, senza però dimenticarsi di ricordare ai fan, che è lui il vero King di NY (cfr. dissing con Jay-Z).

Il disco è stato certificato platino, con più di 1 milione di copie vendute dopo appena 2 mesi dalla pubblicazione.

Buon CompleHANO, God’s Son!

 

Loading...

Lascia un commento

Condividi
Luca
Classe '82, seguo tutto ciò che riguarda l'Hip-Hop da quasi 20 anni, ma non preoccupatevi: ho iniziato a capirci davvero qualcosa da pochissimo tempo. Per vivere provo ad occuparmi di architettura e design e soprattutto faccio il marito ed il papà. Mentre cerco di collezionare più dischi possibili, vi racconto quello che mi passa per la mente sulle pagine del nuovo hano.it