Loading...

Leggi il testo EasyOne Stessa Pelle Primo Brown estratto dall’omonimo album “Stessa pelle

EasyOne Stessa Pelle Testo Primo Brown

Se ti scrivo perché forse l’ho capito solo ora
che la vita non aspetta il sole come fa l’aurora
sceglie chi è pronto a tenere un nodo in gola
e ti schiaccia se non guidi ad occhi chiusi e a 100 all’ora
non importa chi dice che io e te non siamo uguali
perché le parole in più sono piume senza ali
nella vasca coi piranha non serve essere squali
annega in fretta chi l’amore l’ha imparato sul Bignami
tu della stessa pelle il sorriso di casa mia
con gli occhi di tua madre e la voglia di andare via.
non sono mai fuggito tra le crepe del tempo
da quando i tuoi occhi mi sussurrano memento.

RIT: Io non potrei guardare questa vita da un’altra prospettiva
se ci sei il mio mondo è già poesia
non c’è bisogno di far rima
ora dove sei se mi giro devo ritrovarti
dove ti ho lasciato prima

Noi solo noi senza motti e falsi eroi
al di là del principio di piacere come Freud
con il testa la marea tra gli scogli e gli avvoltoi
la parte chiara della luna al contrario dei Pink Floyd
(noi) con i testi che scorrono su di un palmo
dove i baci dati in fretta hanno il colore dell’inganno
la rinuncia carne tra le fauci del tiranno
come dare in pasto l’anima a sto immenso caos calmo.
Della stesse pelle con quell’animo ribelle
con gli occhi della terra e il sapore delle stelle.
ecco il tuo storyteller nel buio tra le belve
cava diamanti dalle rocce perché brillino per sempre.

PRIMO: A volte questa merda io la odio
perché sa il modo di riaprirmi i tagli e rovesciarmeli sul foglio
e dopo questa merda io la amo
ed è strano che a farmi male o a curarmi sia sempre la stessa mano
sono di grafite stessa pelle tutto il mondo intero
quando le matite si allontanano non mi dispero
e tu a intrometterti sei bravo sì vai così
regalati ai lupi predatori della privacy,
Primero stessa pelle il sole non toccamme
sono lacrime di fuoco dalle canne segni sulla carne
Carmen vuole un bimbo ma si sbaglia alla grande
che non metterò mio figlio in questa Italia gendarme.
le zanne sporche del sangre i miei simili anche
c’hanno la stessa pelle delle banche
le sere che le poste in palio sono un pò
più alte io non c’ho la stessa pelle
delle vostre bandiere bianche

Loading...