Loading...

Sace Roma Testo

Nun fa’ la stupida stasera”, è sempre magica l’atmosfera,
riesce a strappà un sorriso sul viso de chi sta nella miseria,
me la vivo da mattina a sera,
quella sofisticata e quella bella terra terra,

città eterna nonostante le mille sfaccettature,
molto spesso fa sognare e alle volte t’illude,
parole nude pe descrive sta città che te sbatte
in faccia realtà crude, senza troppe scuse,

la gente che n’se fida e te tiene a un palmo distante,
quella che t’accoglie a braccia aperte senza fa’ domande,
lei che quando può, te da tutto er core,
senza vole niente in cambio, dalle borgate in ogni rione,

c’ho i sampietrini come pavimento,
il cielo è acceso, volo sospeso per le vie del centro,
Roma è tutto questo, Roma è tanto altro,
vivila con tutto te stesso, condividila con chi hai accanto,

Vivo la Roma della cultura, calma e confusione,
del ‘viè co me, che te faccio da cicerone’,
la gente che te chiama pe strada e te dice ‘Aooo’,
sotto sto cielo c’è racchiuso quel che amo e cIò che ho,

Vivo la Roma della cultura, calma e confusione,
del ‘viè co me, che te faccio da cicerone’,
questa città se non la vivi, non mi capirai,
canto la mia “Vecchia Roma” anche se Roma non invecchia mai…

L’era de Gabriella Ferri e i trasteverini,
de Claudio Villa, Alvaro Amici e Lando Fiorini,
la comicità de Alberto Sordi e Carlo Verdone,
rimo “Troppo Forte” dal colosseo fino ar cupolone,

è Totti e la domenica all’olimpico,
col derby la città se spacca in due e manca l’ossigeno,
segnata dalle vittime di stato e da,
chi non è mai stato condannato, nonostante abbia ammazzato,

quella degli innamorati, lungo i fori imperiali,
i baci dati, in scenari tanto belli quanto surreali,
lei co i monumenti e musei capitolini,
pe ste strade rivivo ‘La Dolce Vita’ di Fellini,

me la giro, da nord a sud, in lungo e in largo,
dal Torrino alla Flaminia, passando per testaccio,
Roma è tutto questo, Roma è tanto altro,
vivila con tutto te stesso, condividila con chi hai accanto

Vivo la Roma della cultura, calma e confusione,
del ‘viè co me, che te faccio da cicerone’,
la gente che te chiama pe strada e te dice ‘Aooo’,
sotto sto cielo c’è racchiuso quel che amo e ciò che ho,

Vivo la Roma della cultura, calma e confusione,
del ‘viè co me, che te faccio da cicerone’,
questa città se non la vivi, non mi capirai,
canto la mia ‘vecchia Roma’ anche se Roma non invecchia mai

questa città se non la vivi non mi capirai,
questa città se non la vivi non mi capirai,
questa città se non la vivi non mi capirai,
canto la mia ‘Vecchia Roma’ anche se Roma non invecchia mai…

Vivo la Roma della cultura, calma e confusione,
del ‘viè co me, che te faccio da cicerone’,
la gente che te chiama pe strada e te dice ‘Aooo’,
sotto sto cielo c’è racchiuso quel che amo e cIò che ho,

Vivo la Roma della cultura, calma e confusione,
del ‘viè co me, che te faccio da cicerone’,
questa città se non la vivi, non mi capirai,
canto la mia “Vecchia Roma” anche se Roma non invecchia mai.

Loading...