J-Ax & Friends | Aneddoti
J-Ax & Friends | Aneddoti
Loading...

Quando in redazione è arrivato il nuovo disco di J.Ax, il Direttore ha pensato bene di girarlo direttamente a me. Sa che sono l’unico che può dire quelle robe che non si possono dire. Che Ax è una leggenda del Rap, praticamente il fondatore in Italia. Che spacca da 20 anni e che come scrittura ancora manda a casa parecchia gente.

Lo dico, l’ho detto e lo penso. E sarei ipocrita a nasconderlo visto che questo ragazzone mai cresciuto del tutto mi ha guidato l’adolescenza (e, scoop, persino il nome di questa mia rubrica qui su Hano prende spunto da una sua rima).

Del disco c’è poco da dire: è una raccolta di quasi tutte le collaborazioni che il rapper di Cologno ha fatto lungo la sua pluridecennale carriera. Da “Tocca qui” con la misteriosa Lory Asson fino a “Maria Salvador” con Il Cile. Sicuramente non aggiunge nulla a chi segue la sua carriera da sempre e nei novanta si comprava praticamente tutto, anche i vinili senza avere il giradischi, per ascoltarsi dei B-side clamorosi come “Cavaliere senza re” o “Così mi tieni” tanto per dirne un paio, ma magari è utile per i fan dell’ultim’ora che così riscoprono il primo Ax attraverso pezzi degli Articolo 31 come “Domani” con Paola Folli, “Io, Zak e la tromba” con DJ Zak, passando per quelli con Dalla, Morandi e tutte le collaborazioni con il fratello.

Visto che non c’è molto da dire sul disco ho deciso di inserire in questo articolo un paio di aneddoti, disseminati lungo questi 20 anni, che mi legano in qualche modo a J.Ax.

Aneddoto 1

Negli anni 90 non c’era internet ne tantomeno i social, non c’erano gli instore ne Periscope, e così gli artisti erano praticamente irraggiungibili e li vedevi solo ai live. Gli Articolo 31 avevano allora attivato un numero di telefono (uno 02 per intenderci…) con cui tramite una segreteria telefonica lasciavano messaggi con aggiornamenti e info. Inutile dire che il me minorenne passava i pomeriggi a digitare quel numero in attesa che il messaggio cambiasse per avere qualche info in più.

Aneddoto 2

Più in là negli anni, sarà stato intorno al 2000, cominciavo a fare le prime esperienze nei media e all’epoca scrivevo di cultura e sport per una rivista. Convinsi il Direttore a mandarmi al concerto degli Articolo 31, ma ovviamente avrei dovuto ripresentarmi con un articolo che legasse il giornale al concerto. Se considerate che la rivista era di moda specializzate per capelli e Ax e Jad erano entrambi pelati…. capite bene che passai un brutto quarto d’ora quando tornai in redazione con il pezzo e soprattutto le foto… ma, fanculo, il concerto fu una bomba!

Ax mi devi un lavoro… Ma ti perdono perché in tanti anni mi hai regalato momenti da ricordare e canzoni che han segnato parecchi passaggi lungo la vita. Proverò a riviverli ascoltando questo triplo CD che mi hai inviato. A presto.

Loading...