Fenice, l'album di IZI
Fenice, l'album di IZI
Loading...

Testo Izi Con Me

estratto dall’album di Izi Fenice. Leggi il Testo Con Me Izi.

Io molto troppo spesso non so come mi chiamo
Non so dove abitavo perchè stavo con me
Un po’ lo stesso, è un po’ diverso, devo metterti in chiaro
Tengo il mio mondo in mano e lo divido con te
Perchè molto troppo spesso non so come mi chiamo
Non so dove abitavo perchè stavo con me
Un po’ lo stesso, è un po’ diverso, devo metterti in chiaro
Tengo il mio mondo in mano e lo divido con te

Se tiro uno schiaffo io mi autodistruggo
Perchè ho il mio mondo in mano
Se sono giusto lo sarò ma perchè moto innato
Non toccarmi il capo fra’
Faccio a meno del gabbio
D’oro placato, devi pagarmi il dazio
Impara a contare le cose a cui tieni
Impara a tornare ma sopra i tuoi piedi
In casa a suonare per ora da ieri
Taglia col mare a colmare i rilievi
In tana, letargo
Gynkana nel tratto di strada
Che stanco da portarmi appresso
In campana mirato mi chiama riscatto
Tu fammi il ritratto così non mi perdo
Ricordati da dove vieni, sempre
Mentre scordati da dove viene il vento
Che trasporta tutto quanto è tempo
Quello che stavo aspettando è il tempo
Quello che ti cambia giorno dopo giorno, aspetto
Quello che si cambia giorno dopo giorno, aspetta
Io non accetto che il tempo mi cambi
Se mi taglia gli arti e poi ciba le belve e svengo perchè..

Io molto troppo spesso non so come mi chiamo
Non so dove abitavo perchè stavo con me
Un po’ lo stesso, è un po’ diverso, devo metterti in chiaro
Tengo il mio mondo in mano e lo divido con te
Perchè molto troppo spesso non so come mi chiamo
Non so dove abitavo perchè stavo con me
Un po’ lo stesso, è un po’ diverso, devo metterti in chiaro
Tengo il mio mondo in mano e lo divido con te

Nel tunnel “Droga” guarda quanta coda
Guarda quante cose fra’ ti stai perdendo
Se m’ ascolti un’ora cambierà qualcosa
Se m’ ascolti sempre cambierai da dentro
No che non ti sento, ma vai, tanto osservo
Ma dall’alto intendo, fai che sto cadendo
Fra’ ho raschiato il fondo, sto cambiando il mondo
Per te non c’è verso, sembra stia impazzendo
Luce orientami su e giù
Fumo lento dalla mia kush
Le mie tempie, non ci sta nessuno
Le mie tempie questo è già sicuro
Fin da quando giocavo al campetto
Ritornavo ancora a casa presto
Che nella casa esisteva un letto
Ora la casa è il rumore del vento
No no non tutto ciò che provi è reale
A meno che non vivi al castello
Ma sono classe popolare
E il mio sentiero lo traccio con un pastello

Io molto troppo spesso non so come mi chiamo
Non so dove abitavo perchè stavo con me
Un po’ lo stesso, è un po’ diverso, devo metterti in chiaro
Tengo il mio mondo in mano e lo divido con te
Perchè molto troppo spesso non so come mi chiamo
Non so dove abitavo perchè stavo con me
Un po’ lo stesso, è un po’ diverso, devo metterti in chiaro
Tengo il mio mondo in mano e lo divido con te
E lo divido con te

Loading...