"Spam", il nuovo album di Parix
Loading...

Parix Flash Testo

Il testo di “Flash” è estratto dal nuovo album di ParixSpam

Chi comanda non è in mezzo a ‘sta gente
siamo abbagliati da un flash che durerà per sempre

chi comanda non è in mezzo a noi
non è gente comune
infatti non ho visto mai un politico girare a piede libero
nel mio comune e mi domando
come può decidere per me
uno che con me non ha niente in comune?
sono cose fuori dal comune
che frate’ succedono soltanto qui
cerco una casa così fuori dal comune
che nel viaggio sosti in autogrill
mi auto grindo il fegato
ho raggiunto i 1000 all’ora e da allora ho capito
è dura avere un seguito

passo e chiudo
te l’assicuro
la vita è un cazzo in culo fra
per chi c’ha scarso humor
lei piange, chiede cash e qualche Parix junior
io muto in sto paese di nessuno
e mi cagate il cazzo perchè fumo
persi nella nebbia in mezzo al buio
dormendo con un occhio mezzo aperto
e un occhio mezzo chiuso
un occhio mezzo cieco che guarda verso il futuro
mangiando questa merda e gridando in faccia al mio Dio
“voglio essere puro”

chi comanda non è in mezzo a ‘sta gente
non li conosce i nostri mali,
tu tieniti stretto e mettiti un paio di occhiali
perché siamo abbagliati da un flash
che durerà per sempre
frate’ non siamo tutti uguali
vogliono farci male con le nostre stesse mani
io faccio a pugni con me tipo che c’ho due teste
tu chiudimi in manette e butta via le chiavi
perchè in ‘ste due teste c’ho il doppio dei vostri piani
tu che mi tratti da re
ma non sai cos’ho in mente
di metterti un piede sopra quando cadi
e spingo tanto che
ti trova un archeologo in mezzo agli scavi

cosa è giusto o sbagliato tutti lo sappiamo
sta società individualista e senza sentimento
ti individua e poi ti lista con un censimento ISTAT
si sgretola da dentro e con il dito indica terrorista
una Tv che fa l’anestesista in combo col divano
il poliziotto nella mischia chiede all’altro “da che parte stiamo?”
fossero un po più intelligenti avrebbero capito
che in italia il cattivo è lo Stato

passo e chiudo
te lo assicuro per preservarmi puro
fra’ ho vissuto anni nel buio
lei piange chiede cash e qualche Parix junior
poi sente il disco e dice
“cazzo capisco perchè stai sempre in studio”
perso nella nebbia come ognuno
dormendo con un occhio mezzo aperto
un occhio mezzo chiuso
un occhio mezzo cieco che guarda verso il futuro
mangiando questa merda e gridando in faccia al mio Dio
“voglio essere puro”

chi comanda non è in mezzo a ‘sta gente
non li conosce i nostri mali,
tu tieniti stretto e mettiti un paio di occhiali
perché siamo abbagliati da un flash
che durerà per sempre
frate’ non siamo tutti uguali
vogliono farci male con le nostre stesse mani
io faccio a pugni con me tipo che c’ho due teste
tu chiudimi in manette e butta via le chiavi
perchè in ‘ste due teste c’ho il doppio dei vostri piani
tu che mi tratti da re
ma non sai cos’ho in mente
di metterti un piede sopra quando cadi
e spingo tanto che
ti trova un archeologo in mezzo agli scavi

Parix Flash Testo

Loading...