Intervista a Rocco Hunt su SignorHunt:
Intervista a Rocco Hunt su SignorHunt: "Ho rappato come se non ci fosse un domani"
Loading...

Rocco Hunt Nu Brutto Suonno Testo

Leggi il testo Rocco Hunt Nu Brutto Suonno, estratto da SignorHunt: Wake Up Edition

Rocco Hunt
Luchè
Vai Nazo teng na storj

Duj uagliun rind o metrò
stann man rind e man
rind a sacc na speranz
ij a faticà luntan
cu na bors chien e suonn
nu bigliett sul andat
a prumess e sta vicin
pur miezz o temporal
nu passat comm a chist ij nun o vogl mai chiu
na cas ra nostr addo ciel è chiu blu
a vist nun serv pcche c stai tu
o saj ca nun m fid, nun serv to giur
luntan re nciuc ra gent ca ret e fnestr c segue c’osserv
pcche t’accuntient ro nient, si mo putiss pretendr e stell?
nu poc e ripos c stess
facess e valigij e partess
o sacc si stanc, m’abbracc e po chiagn
si chill t manc, pcche m staj affianc
e t faj mill compless
comm si gia nun n tness
c’sta minut ca nun pens
e parla sul che tennents
vuless turna a chillu juorn pcche chillu juorn me fatt cuntent
me fatt turna nu criatur spugliannm annur, però nun t’apparteng
cogl ca m’abbracc
ancor natu poc
e ja nun fa sta facc

o saj ca chist e post tuoj

Ja, vien ca
famm pnsa che er nu brutt suonn
ja nun pazzia
stamm passann tutt a vit contr
(tutt a vit contr)

Se parlo con te, tu parli alle amiche che giurano poi di non dirlo a nessuno
questa città di serpenti che è poco piu grande di un buco del culo
e chella faccia ra creatur
che nun e turnat chiu
nu brutt suonn fa paur
si po m scet e n c staje tu
chiamami quando,
ti senti stanca
prendi a calci il muro e poi non ne puoi più
io sto gridando
mi sento stanco
sono contro questo mondo a testa in giu

Ja, vien ca
famm pnsa che er nu brutt suonn
ja nun pazzia

stamm passann tutt a vit contr

O nomm mij tatuat ngopp o rit
o saj mo che e na cicatric a vit
nt poss ra tutt e segret mij

nt poss ra o poter e m ferì
ess ricett ma chi sarrai
chi tien affianc quand e frnut
ij rispunnett n’omm comm a me,
s’accattat a vit e gia s la vnnut
già m vec sott e 30 ann
cu nu par e figl che a stient sacc
pass e nuttat nsiem e cumpagn
cu na pustegg vogl ij isolat
ij so tal e qual, a tutt quant

cient femmn e na muglier parcheggiat a cas
ma t sacc a quand tien e rient e latt
e vogl mo che t’annammur e nat
vogl che daj o creatur a nat
t poss offrì na nuttat e sess fors e megl
se e tant o stress, ij vac carcerat
tu e vist semp o megl,
nun poss guarda cu l’uocchije e lat
cierti prson stann mal
e ij song o primm che l’ammett
t’agg semp ritt va chian quand t piac nu uaglion
ca si po c raje t cos
chill s pigl t cos
e mo commett stu sbagl
sul p fa a cosa giust
e po t guard e cammina
fin a che nun t vec chiu!

Ja, vien ca
famm pnsa che er nu brutt suonn
ja nun pazzia
stamm passann tutt a vit contr

Se parlo con te, parli alle amiche che giurano poi di non dirlo a nessuno
questa città di serpenti che è poco piu grandedi un buco del culo
e chella faccia ra creatur
che nun e turnat chiu
nu brutt suonn fa paur
si po m scet e n c staje tu

si vede che, non ridi da tempo
asciugati quest’occhi e non pensarlo piu
io ti prometto ucol pugno sul petto
che non dimenticherò come volevi tu

Ja, vien ca
famm pnsa che er nu brutt suonn
ja nun pazzia
stamm passann tutt a vit contr

 

Loading...

Lascia un commento