Infinity War
Loading...
Avengers Infinity War: “non sarete delusi dal numero di personaggi coinvolti”

Mentre tutto sembra pronto per il grande lancio di Capitan America: Civil War, mentre noi ci prepariamo a vedere il nuovo Spider-Man dei Marvel Studios e Pantera Nera, i registi della pellicola, i fratelli Russo, ormai al centro dei prossimi e futuri progetti targati Marvel, stanno già pensando ad Avengers: Infinity War.

Film che si preannuncia enorme, diviso in due parti e che chiuderà un vero e proprio ciclo di storie dell’Universo Cinematografico Marvel. Cosa ci aspetta in un film in cui gli Avengers si scontreranno direttamente con Thanos? La risposta arriva dai registi:

“Questo è un altro progetto che stiamo preparando e che vogliamo pieno di sorprese per gli appassionati. Diremo questo: le persone non resteranno deluse dal numero di personaggi coinvolti. La premessa di Infinity War è che l’Universo Marvel si unisce per combattere la più grossa minaccia per il mondo e l’universo che si sia mai vista, e onoreremo questo concept. Ovviamente sappiamo che dovremo differenziarlo dal tono urbano dei nostri Captain America. Noi amiamo la fantascienza e roba come Dungeons&Dragons. Quando eravamo ragazzini abbiamo visto al cinema L’Impero Colpisce Ancora sette volte. Collezionavamo tutti i libri, avevamo pupazzetti. Tutto ciò che è fantascienza o supereroi è il nostro mondo. Approcceremo il lato cosmico della Marvel con lo stesso fervore con cui abbiamo approcciato quello terrestre. Cercheremo di fornire un realismo psicologico, soprattutto ai personaggi: questo è il nostro obiettivo.”

Loading...

Lascia un commento

Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.