Loading...

I seguenti contenuti sono ovviamente inventati. Hip Hop BullShit

Storico accordo raggiunto tra i vertici di Trenitalia, la società leader nel trasporto su rotaia, e la delegazione italiana dei writers.

Infatti dopo una riunione “fiume” durata più di sei ore si è giunto ad un punto di unione su un argomento che da anni è stato al centro delle polemiche contro i cosidetti “graffitari” ovvero gli imbrattamenti delle carrozze dei treni, in particolare quelle di Trenitalia.

Per risolvere la spinosa questione gli alti dirigenti di Trenitalia hanno così preso una decisione che lascia tutti a bocca aperta: “Abbiamo deciso di dare il permesso ai writers di dipingere le carrozze dei treni. Visto che abbiamo constatato che questo fenomeno non si riesce in nessun modo ad arginare, abbiamo pensato che fosse il caso di prendere la direzione opposta, cioè invece della repressione, l’apertura verso gli artisti/vandali”

“Ovviamente – continua l’alto funzionario rappresentante di Trenitalia – abbiamo preteso che l’imbrattamento debba avvenire con colori completamente lavabili, in modo che alla prima pioggia i treni si puliscano da soli e ritornino come prima. In questo modo noi avremmo treni sempre puliti e i writers potranno continuare ad esercitare la loro passione”

Nelle clausole dell’accordo è previsto anche che i writers, per mantenere quell’aspetto di clandestinità ed illegalità che da sempre rende avventurosa questa disciplina, potranno continuare ad intrufolarsi clandestinamente nei depositi anche, volendo, equipaggiati con passamontagna e vestiti scuri come se il tutto fosse ancora illegale.

Alle guardie invece verranno fornite delle pistole giocattolo con le quali potranno divertirsi a sparare ai writers che verranno da loro “colti in fragrante”, dando così una parte di soddisfazione alle forze dell’ordine che da sempre sognano di “accoppare” qualche writers sorpreso a dipingere treni.

L’iniziativa partirà dal prossimo dicembre, e per l’inaugurazione è previsto un aperitivo al quale parteciperanno i writers, i dirigenti di Trenitalia e la Polfer prima che ognuno entri nella propria parte e si cominci a mettere in pratica quanto è stato deciso.

Loading...
Condividi
Andrea Bastia
Appassionato di hip hop e in particolare di graffiti, disciplina nella quale si è anche cimentato (ma con scarsi risultati). Attualmente gestisce la rubrica Hip Hop Bullshit su Hano e il sito Hiphopmadeinita.it