Loading...

Diciamolo: il beef che nell’ultima settimana sta coinvolgendo Drake e Meek Mill ha monopolizzato la maggior parte delle testate Hip-hop online (e personalmente, ha anche un po’ rotto le palle).

Ma nella storia della musica rap (e non) molti sono stati gli artisti che si sono avvalsi della collaborazione “segreta” di altri per scrivere le proprie liriche. Ve ne riportiamo solo alcuni esempi, per farvi capire che – a meno che non distrugga il proprio ego – il ghostwriting non è poi così un fenomeno da sottovalutare.

Lil’ Kim feat. Lil’ Cease – Crush On You

Era il 1996, l’album era “Hard Core” e fu un successo. Ne furono pubblicate due versioni, una anche con il feat. di Notorious B.I.G. compare di Lil K nel collettivo “Junior Maphia”. Ma dietro le liriche di Kim c’è la penna di Cam’ron (Diplomats/Dipset).

Puff Daddy feat. Faith Evans & 112 –  I’ll Be Missing You

Notorious B.I.G. era appena stato assassinato ed il socio Puff Daddy, in collaborazione con la moglie di Biggie Smalls decisero di dedicargli questo pezzo che fece incetta di dischi d’oro e di platino in tutto il mondo. Il ghostwriter in questo caso fu Sauce Money.

Dr. Dre feat. Snoop Dogg – Still D.R.E.

Nel 1999 esce per la Aftermath Entertainment/Interscope Records il secondo disco del Dottore di Compton “2001” e tra i singoli che più pompavano c’era “Still D.R.E.” con il featuring di Snoop Dogg. Ma si dice che dietro le barre di Dr. Dre ci fosse addirittura Shawn Carter AKA Jay-Z. In tutto il disco però si segnalano episodi di ghostwriteraggio (passateci il termine, su!) da parte di Hova e di Eminem.

Beastie Boys – Paul Revere

Nel 1986 i Beastie Boys fanno uscire “Licensed To Ill” – il loro primo album di studio – e tra le tracce che compongono il disco troviamo “Paul Revere”, prodotta da Rick Rubin. Che nel famoso intro “Now here’s a little story I’ve got to tell” volessero dirci che il pezzo era stato scritto dai Run D.M.C.?

https://youtu.be/tEM3dW2oWW4

Ruff Ryders feat. EVE & Jadakiss – Got It All

Questo pezzo vede la luce nel 2000 ed è contenuto nella compila “Ryde or Die Vol.2”. Le barre di EVE in questo caso, sono però state scritte da Cassidy.

Eazy E – Boyz N’ Tha Hood

Il singolo “Boyz N’ Tha Hood” di Eazy E – contenuto nel disco d’esordio “Eazy-Duz-It” del rapper di Compton – è stato scritto da Ice Cube, suo compagno negli N.W.A.. “Boyz N’ Tha Hood” è stato anche il primo pezzo uscito per la Ruthless Records

https://youtu.be/RwPMKozHPCM

The Sugar Hill Gang – Rapper’s Delight

Su questa pietra miliare dell’Hip-hop le voci sono controverse: si dice che il testo sia stato rubato da Big Bang Hank a Grandmaster Catz. Ciò non toglie che sia un pezzo storico e ringraziamo chiunque abbia scritto queste barre.

Voi cosa ne pensate, è davvero un problema grave questo fenomeno del ghostwriting? Diteci la vostra!

 

Loading...
Condividi
Luca
Classe '82, seguo tutto ciò che riguarda l'Hip-Hop da quasi 20 anni, ma non preoccupatevi: ho iniziato a capirci davvero qualcosa da pochissimo tempo. Per vivere provo ad occuparmi di architettura e design e faccio il papà. Mentre provo a collezionare dischi vi racconto quello che mi passa per la mente sulle pagine del nuovo hano.it