5 cose che non sapevi su Freddy Key
Loading...

Freddy Key, nome d’arte di Nicolò Gavioli, nasce il 15 giugno 1988 a Mantova. Giovanissimo si avvicina alla musica punk, poi conosce l’amico e producer Kuma XIX che lo introduce al mondo hip hop e nel 2004 inizia il suo percorso di freestyler partecipando a diversi contest del nord Italia. Addentrandosi in queste realtà, approfondisce la propria conoscenza del mondo rap abbracciando il rap bianco e, nel 2009, entra ufficialmente a far parte della batteria Strongvilla, iniziando a incidere i primi pezzi.

Nel 2012 si aggrega alla crew canadese dei Battleaxe Warriors, capitanata dal rapper Madchild e, sempre nello stesso anno, esce il suo primo video ufficiale “Ecce Homo” a cui segue “L’incubazione”, suo brano più criptico e apprezzato. Il primo album di Freddy Key, che prende nome dal suo primo pezzo “Ecce Homo”, esce nel 2015 con “Famiglia Manson” come singolo.

Collabora con numerosi artisti tra cui Tormento, Kill Mauri, Jack The Smoker e altri musicisti della scena nazionale e internazionale, in particolar modo americana, con realizzazioni di featuring contenuti nel suo secondo album, attualmente in lavorazione.

Lo stile di Freddy Key può essere definito psycho rap, basato su metriche ricercate e ricche di citazioni letterarie e cinematografiche, ispirate prevalentemente al mondo dell’horror, inserendo anche l’energia e l’attitudine del filone punk.

5 Cose che non sapevi su “Freddy Key

  1. Freddy Key viene tenuto lontano da qualsiasi tipo di alcolico prima di ogni sua esibizione per evitare figuracce ormai classiche
  2. Prima di innamorarsi del rap, Freddy Key ascoltava solo musica punk, aveva la cresta, indossava giubbotti strappati pieni di toppe e gridava per le strade: “ANARCHIA!”
  3. Freddy Key possiede una quantità innumerevole di DVD e libri (mai letti)
  4. Prima di stare nella nuova sede di StrongVilla, Freddy Key abitava in una cascina sperduta e cadente in condivisione con 6 persone, 1 geko leopardo, 2 gatti, 2 draghi barbuti, 1 Pitbull, 48 blatte soffianti e un numero non quantificato di topi
  5. Freddy Key giustifica ogni suo insuccesso, frustazione o fallimento con la frase “IO SONO UNDERGROUND”

Leggi le “5 cose che non sapevi su…” di tutti i rapper italiani!

Lascia un commento

Loading...