Loading...

5 cose che non sapevi su Pula+

Andrea Pugliese, in arte Pula+ nasce a Torino il 30 dicembre 1982. Attivo dal 1998 con i gruppi torinesi Ragazzi ‘n gamba e Da Giantz, inizia la sua carriera da solista nel 2002, concependo l’album Mia fobia, ritenuto dalla critica «a tratti sorprendente».

Il passo successivo è il mixtape in freedownload TuaGrandePaura, la naturale evoluzione del disco, seguito da un altro mixtape, Tranquillo mai stato.

Da lì in poi inizia una nuova pagina nella sua carriera, che l’ha visto partecipare e vincere a diversi contest e stringere rapporti con protagonisti di spicco della scena rap nazionale (Fabri Fibra in primis).

Nel 2010 partecipa al programma MTV Storytellers sul palco con Fabri Fibra e nell’autunno dello stesso anno la web-etichetta Bunker Music licenzia il web-album +PULAxTUTTI, anch’esso accolto stupendamente dalla critica e dal pubblico.

Il 2011 è l’anno di concepimento del disco in uscita Di niente e di nessuno uscito il 21 febbraio 2012 e preceduto da un mixtape in free-download uscito in agosto dal nome In forma.

Il 29 maggio 2012 annuncia tramite la sua pagina Facebook di essere impegnato nella registrazione del nuovo album Rest In Pula, salvo annunciare un anno dopo che butterà il nuovo disco per prepararne un altro, ora finalmente in prossima uscita per Giada Mesi.

Pula+

5 Cose che non sapevi su “Pula+

  1. Pula+ si chiama Andrea e di secondo nome Sebastian, nome che usava da piccolo come primo nome, perché non sapeva dire la “R” di Andrea
  2. Il primo pezzo rap di Pula+ non è stato scritto da lui ma dal suo socio Enrico Power
  3. Pula+ oltre la musica, è un art director in un’agenzia pubblicitaria, e ha creato spot di marchi internazionali andati in tv, radio e stampa
  4. Pula+ ha imparato a suonare la chitarra ma voleva suonare la batteria. Ma costava troppo così i suoi lo mandarono a imparare la chitarra in chiesa gratis
  5. Pula+ fa meditazione costantemente

Leggi le “5 cose che non sapevi su…” di tutti i rapper italiani!

Loading...

Lascia un commento

Lascia un commento