FDP Clothing 1st season by Fred De Palma
FDP Clothing 1st season by Fred De Palma

È nata lo scorso dicembre la nuova linea di merchandising di Fred De Palma, FDP Clothing, che è stata lanciata con un evento pre-sale durante il quale i fan accreditatisi hanno avuto l’opportunità di visionare e acquistare in anteprima i capi, parlare con Fred e farsi autografare i loro acquisti.
La collezione è in vendita in esclusiva sul sito http://www.fdpclothing.com/ e ai live di Fred.

Non si tratta di un merchandising vero e proprio, come quelli che siamo soliti vedere, ma più di una “capsule collection” che racchiude in sè l’animo e l’immagine di Fred De Palma.

In caso ve la foste persi, abbiamo chiesto proprio a lui di raccontarci tutto sulla sua linea.

Come nasce FDP Clothing?

È nato dalla mia passione per la moda e per due brand in particolare Off-White e Palm Angels con cui sono riuscito a interfecciarmi, entrantrare in contatto e avere il loro supporto per diversi progetti.
E da lì ho deciso che volevo dare anch’io la mia espressione artistica a qualcosa che non fosse la musica ma che fosse un brand.
Il logo è FDP che è il mio acronimo e la palma,  perché ovviamente mi chiamo Fred De Palma,  e mi sembrava il logo più attuale e più fresco che potessi usare“.

Chi ha ideato la collezione?

La collezione l’ho ideata io insieme al mio manager Yuri Ferioli e a Carlo Di Stefano, un bravissimo grafico di Torino.
Volevo iniziare con una cosa molto basic, felpe, cappellini a becco, t-shirt in tinta unita e camicie a quadri caratterizzati da una palma d’oro logata per far capire immediatamente qual era il focus del brand. 
Poi ovviamente la collezione evolverà con altri capi“.

Perché hai deciso di farlo ora e non prima?

Perché non volevo uscire solo con un merch, mi sembrava un po’ riduttivo e non volevo neanche una cosa prematura, che non mi rappresentasse.
Se non fossi entrato in contatto con certe personalità della moda, magari avrei fatto qualcosa che oggi non mi sarebbe appartenuto. L’ho fatto adesso perché io e il mio team abbiamo capito che questo era il momento giusto di farlo, il momento in cui anche io ero pronto a indossarla in una maniera credibile“.

Condividi
Valeria Balestrieri
Classe '81, ascolto il rap da quando nell'89 ho abbandonato Cristina D'Avena per la prima cassetta di Jovanotti "La mia moto" e da lì non ho più smesso. Lavoro nella moda da sempre ma non sono una fashion victim.