Non è più un dissing. E' una Web Series. Ecco tutte le puntate
Non è più un dissing. E' una Web Series. Ecco tutte le puntate
Spazio pubblicitario

A quanto pare il 2017 non è nato proprio sotto una buona stella per l’hip-hop italiano, non si sa se per l’opposizione di Giove o per Saturno contro, ma le acque sono parecchio agitate. A dimostrazione di questo, c’è l’ormai famoso social dissing fra Marracash, Guè Pequeno e Fedez.

Dopo il silenzio iniziale da parte degli altri esponenti della scena rap italiana, Nitro, LuchèSalmo hanno detto la loro.

Con queste parole sul suo profilo Twitter, Nitro dice la sua opinione:
Il fatto che Ezio Greggio, Iacchetti e Stafelli scimmiottino i rappers facendo le corna e Yofratello dimostrano quanto ne sa l’Italia di rap. Questa roba è una cultura, Ma soprattutto è arte. Una cosa da prendere seriamente, a mio modesto avviso. In questi anni in Italia noi “rappers” abbiamo influenzato mode e abbiamo cambiato il business musicale italiano. E lo dico perché pure uno stronzo come me è riuscito a fare un disco d’oro. Con un disco rap con strofe lunghe e senza compromessi. Quindi continuate a scimmiottarci ma sappiate che c’è chi riesce a mantenere la propria famiglia col rap. DEAL WITH IT. YO FRATELLI.

Luchè, da anni amico e socio di Marracash, durante un’intervista a Hip Hop TV insieme a Wad Caporosso, alla domanda di un fan “Cosa  ne pensi della pagliacciata tra Fedez e Marra?“, ha spiegato il “passo falso” di Fedez, ma in un certo senso anche quello di Marracash e Guè Pequeno che “non dovrebbero dare a J-Ax e Fedez la soddisfazione di essere nominati“.
Fedez ha sbagliato, perchè ha detto una cosa che poi Fabio ha smentito, ha fatto un bruttissimo passo falso, perchè ovviamente Fabio, che lo conosciamo tutti nell’ambiente, non è persona che se gli dai del coglione sta zitto. Nessuno c’ha creduto. Ovviamente lì scatta l’ego, il fatto che magari ti senti attaccato, perchè non hai il rispetto che vuoi magari dalla scena.

Salmo, che inizialmente si era distaccato dalla faccenda con un “Scannatevi quanto volete io mi faccio un giro in Europa con @slait e @jacopovolpedrums“, ha poi pubblicato un video su instagram nel quale imita Fedez.

https://youtu.be/EJYPLGIwoCM

Inizialmente molti hanno pensato che fosse una cosa contro Coez, in realtà Salmo si è basato su un video di un altro membro dei Brokenspeakers, Lucci, che poco dopo i fatti dello scorso week end aveva scimmiottato il presunto episodio avvenuto alla sfilata di Moschino da cui è partita la diatriba tra Fedez e Marracash.

Sull’onda del dissing, nei giorni scorsi Jamil ha dissato Noyz.

Tutto è cominciato da un Instagram stories nel quale Jamil aveva usato parole pesanti nei confronti di Vegas Jones, Sac1, Zampa e, soprattutto, Noyz Narcos. Già in quella circostanza si era capito che il rapper veronese non le avrebbe mandate a dire, così è passato all’attacco con un dissing intitolato “Noyz Diss“.
Pare che il tutto sia nato dal fatto che Noyz gli avesse promesso una collaborazione, senza avergliela mai di fatto concessa.

L’ultima volta che l’ho visto era a una mia serata. Gli mando la robe e dice che i pezzi sono belli, poi mille scuse“, aveva fatto sapere Jamil a novembre dal suo profilo Instagram.

Quest’ultimo pare proprio essere un caso di dissing che finirà nel dimenticatoio.

Certo che deve essere proprio frustrante essere Fedez in questo momento in cui viene letteralmente preso per il culo da mezza scena del rap italiano.

Sull’onda del video di Salmo, anche Gemitaiz e Achille Lauro hanno detto la loro, il tutto in modo davvero esilarante.

https://m.youtube.com/watch?v=Xc2nDVKpZYs&time_continue=1

Pare che a questo punto non si tratti più di un semplice dissing, ma di una web series a puntate. Povero “pinocchio” forse sarebbe stato meglio se avesse seguito il suo “vorrei ma non posto“.

Stay Tuned.

Loading...
Condividi
Valeria Balestrieri
Classe '81, ascolto il rap da quando nell'89 ho abbandonato Cristina D'Avena per la prima cassetta di Jovanotti "La mia moto" e da lì non ho più smesso. Lavoro nella moda da sempre ma non sono una fashion victim.