I seguenti contenuti sono ovviamente inventati. Hip Hop BullShit

Come altri suoi illustri colleghi, anche il rapper romano Chicoria ha avuto la brillante idea di tenere un suo concerto dentro a un carcere, dedicato ai detenuti.

Però, mentre solitamente gli altri artisti a fine concerto si fermano a firmare autografi, scambiare due chiacchiere coi fan, scambiare con loro numeri di telefono di spacciatori… e altre attività simili; Chicoria invece ha avuto un piccolo contrattempo.

Infatti nella ressa avvenuta a fine concerto (anche i detenuti stavolta non vedevano l’ora) il buon Chicoria, nonostante il suo aspetto sobrio e rassicurante, è stato inevitabilmente scambiato dalle guardie per uno dei carcerati ed è stato quindi gentilmente invitato ad riaccomodarsi in cella.

A nulla sono valse le proteste del rapper romano che ha provato inutilmente a spiegare che lui era la star della serata. Quando ha provato a convincere i secondini che lui era proprio un rapper, questi gli hanno chiesto una prova. Allora Chicoria è partito con un mega freestyle di circa 5 minuti improvvisando argomenti mai sentiti quali la droga, Giovanardi ecc…

La mirabolante performance der Chicoria ha sciolto ogni dubbio alle guardie, che inesorabilmente hanno serrato la cella e buttato la chiave nel cesso.

Al momento Chicoria è ancora detenuto nel carcere di Rebibbia cercando di convincere inutilmente compagni di cella e secondini che lui è un rapper, e la sua casa discografica ha fatto partire una campagna di crowdfunding per raccogliere i fondi necessari a pagare la cauzione per rimetterlo in libertà.

Al momento la campagna è ferma a 0,50 € offerti da un cugino di Chicoria.

Condividi
Andrea Bastia
Appassionato di hip hop e in particolare di graffiti, disciplina nella quale si è anche cimentato (ma con scarsi risultati). Attualmente gestisce la rubrica Hip Hop Bullshit su Hano e il sito Hiphopmadeinita.it