the walking dead 6x14
Spazio pubblicitario
The Walking Dead 6×14: ne vogliamo parlare?!

the walking dead 6x14

E poi ci si chiede come mai Lo Sceneggiatore sia il personaggio meno amato dagli appassionati della serie.

L’episodio si apre con un loop della quotidianità alessandrina. Ogni mattina Marcellona va a controllare i sughi pronti, Don Dramma cerca visibilità nell’episodio andando a spasso con un fucile, nella speranza di essere finalmente inquadrato, e Morgan che prepara Mikado giganti:

The Walking Dead 6x14

The Walking Dead 6x14

The Walking Dead 6x14

The Walking Dead 6x14

The Walking Dead 6x14

Le normali giornate ad Alessandria insomma.

Un giorno Rick, guardando il cielo e vedendo nuvolo dice a Morgan: “Grigiore, massimo della bellezza”, ma c’è vento e Morgan capisce “Prigione, di massima sicurezza”:

The Walking Dead 6x14

Ed è andata bene, perchè Morgan poteva anche capire “Salerno – Reggio Calabria”. Comunque niente, Morgan costruisce una prigione in un pomeriggio. Uno dei benefici della sacra arte del Nonlaccidoh è che le prigioni ti vengono da dio. Rosita prova a dimenticare Abramo tra le braccia di uno dei due mononeuronici figli di Dehanna, da cui fortunatamente per loro non hanno preso nessuna caratteristica fisica.

The Walking Dead 6x14

Ma è la puntata dedicata agli sfigatoni, da una parte abbiamo il concorrente maschile, Eu-Genio. Dall’altra quella femminile, Il Primario Loredana Mediconi. I due nerd. E quando due personaggi del genere sono i protagonisti della puntata, senti un brivido freddo risalirti per la schiena, arrivare alla testa per trasformarsi in suono, in una voce, che sussurra “Sukaaa!”. Nemmeno Bruce Willis e Vin Diesel che fanno esplodere cose protagonisti del prossimo episodio potrebbero compensare questa cosa qui.

Loredana Mediconi ha scoperto che c’è una farmacia li vicino fornitissima di ogni tipo di medicinale. In realtà lei vuole andarci per le zigulì. Convince Bertolli Robusto e Rosita ad accompagnarla. Mentre Eu-Genio convince Abramo ad accompagnarlo in un posto fuori dalle mura dove ha intenzione di mettere su una fabbrichetta di pallottole. Quando Eu-Genio parla, Abramo fa sta faccia:

The Walking Dead 6x14

E come dargli torto?

Il gruppo della Mediconi arriva alla farmacia, secondo Daryl è passato di li un cieco con le mani sporche:

The Walking Dead 6x14

E insomma, quando Daryl parla di mani sporche, c’è da credergli.

Intanto Eu-Genio, per provare ad Abramo di essere cambiato, di essere diventato un guerriero della madonna, dice “lo uccido io lo zombie!”, ma gli capita l’unico zombie con l’elmo d’acciaio e quando prova a spaccargli il cranio col la spranga l’unico risultato è il nome del suo amico Glenn che rieccheggia dall’impatto. Perchè Glenn è un suono, non un nome.

Quando Eu-Genio non parla Abramo fa sta faccia:

The Walking Dead 6x14

Nella farmacia, mentre Rosita e Bertolli Robusto prendono le medicine, Loredana va a cercare le zigulì spingendosi in uno stanzino dove trova uno che, nonostante l’incredibile scorta, avrebbe bisogno di molte più medicine:

The Walking Dead 6x14

Poi, lungo la strada del ritorno, Loredana si ferma e inizia a fare il discorsone agli altri due, discorso di cui non ricordo i contenuti, ma comunque un pistolotto che potrebbe benissimo essere messo su Youtube come tutorial per annoiarsi:

The Walking Dead 6x14

The Walking Dead 6x14

The Walking Dead 6x14

The Walking Dead 6x14

Passava di li Salvo Sottile con alcuni suoi amici e decide di uccidere Loredana Mediconi. Salvo Sottile, l’uomo che ha diviso il mondo chiedendo quale fosse il suo lato migliore

the walking dead 6x14

Si scopre che Salvo ha anche catturato Eu-Genio, che sembra terrorizzato ma invece sta solo caricando la sua mossa più letale, la masticata di palle. Eu-Genio, al grido di “Ne feriscono più il canino ed il molare di un cannone pronto a sparare”, si attacca al pacco di Salvo, provocandogli dolore, vergogna e calo di autostima. Ne nasce una sparatoria inutile, perchè ormai lo sanno tutti che le pallottole scivolano sulla pelle unta di Bertolli e non gli fanno niente. I Salvatori si danno alla fuga e i nostri possono tornare a casa. L’episodio si conclude con Abramo che va a casa di S’Ascia con l’occhio broccolone.

In tutto questo Carol vede in lontananza un falò tra le montagne, Gondor ha acceso i suoi fuochi e invoca aiuto. La guerra è scoppiata. Quindi decide di andarsene da Alessandria e scrive una lettera d’addio.

Qual è secondo voi il lato migliore di Salvo Sottile?

L’unica cosa che può ferire Daryl è l’acqua?

Carol ucciderà Sauron?

Don Dramma avrà più inquadrature nel prossimo episodio?

I sughi pronti di Marcellona, quando saranno pronti?

Queste e tante altre domande troveranno risposta nei prossimi episodi

the walking dead 6x14

Voi avete visto The Walking Dead 6×14? Cosa ne pensate?  

– Ci tengo a dire, per prevenire minaccioni e malocchi vari laggiù nei commenti, e soprattutto per cercare di non ritrovarmi, come ogni mercoledi mattina, la macchina rigata con le chiavi, che questo articolo non vuole essere una critica alla serie televisiva, che io adoro, ma un modo di commentare la puntata easy easy, in simpatia e in allegria, così, per tirare un pò su di morale a quegli sfigati in giro per la Georgia, ok?

Se vi siete persi qualcosa andate a leggervi i riassuntoni precedenti QUI!

E non dimenticatevi di cliccare “Mi Piace” sulla pagina Facebook di Nerd Army per non perdervi nemmeno un post e per dire la vostra sull’episodio QUI

Loading...
Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.