Loading...

MoonLoverz I Ticket Del Viaggio Testo

Testo MoonLoverz I Ticket Del Viaggio Testo

[ElDoMino]
Muoviti col vento man, così mi disse un tempo, bucherai il mio petto, hai un cuore freddo e di ferro. Con le tue storie andrai lontano, come un giovane arruolato laureato in bombe a mano! Fatto sta che ho preso forza e chino son partito, con le idee nel mio taschino, con la biro e in un sacchetto il timo, leggenda narra che ciò donerà coraggio; in fin dei conti i sogni sono i ticket del viaggio! E ricompongo i pensieri come un tangram, recupero ogni traccia, a loop me lo ripeto tipo un mantra, che ogni mia parola è fuori da ogni vostra gabbia, sì proprio come un hashtag e tira su quell’asta! Sta musica è l’ultima mia spiaggia, prima che l’invasor arrivi in barca a violentarmi la speranza. Ho scelto io di fare questo è una minaccia: che il cuore dica basta o per sempre taccia!

Rit.
[Azure Stellar – Swelto]
Prendi la mia mano e andiamo via (andiamo via);
dove la tua strada è anche la mia (anche la mi-mia);
andiamo (Moonloverz!) giro il mondo, non è un miraggio;
(andiamo vi-via..Moonloverz!) fuori è buio ed inizia il viaggio.

[Soulcè]
Muoviti col vento man, così mi disse un tempo, portandomi più solchi che buche questo cemento. Mentre mi trasformo sulle note di ogni sample, a dirmi che spavento – è l’arte che mi invento! Metto le scarpe ordino le sedie, i fogli sporchi con i sogni in serie. Favole per grandi destinate a farsi cenere, spedisco la mia anima in un disco dammi l’indirizzo posta celere! Mi disse mille volte “canta forte” e in genere…prendi a calci i paletti del genere. Io ho detto che ti penso ogni volta che piove, come ogni volta che mi porti altrove..troppo debole. Senti man quando parlo sparo, sparo! L’ho detto per due volte qualora non fosse chiaro! Andiamo dai, ticket in mano, partiamo per un viaggio dal quale non ci salviamo mai.

Rit.

[Swelto]
Muoviti col vento man, così mi disse un tempo, con la calma fuori di chi tiene la sua rabbia dentro, ascoltavo i suoi consigli senza mai capirne il senso, con lo sguardo incerto di chi è in lotta con se stesso. Cos’è cambiato adesso? Nulla, l’urgenza di scrivere mi culla! Devo fare presto, come in un intervento, io paziente aspetto, canto a cuore aperto nel gelo d’inverno. Senza neanche un punto di partenza. L’intero universo in una penna, la mia strada è questa, disteso per terra, metto la mia stella dentro una lanterna. Pensieri nell’ombra, prima di dormire perdo la memoria ogni volta solo per non soffrire più, in fase Rem cancello le linee e tu, prendi un altro ticket..questo viaggio non avrà mai fine.
Rit.

Loading...