The walking dead 6x09
Loading...
The Walking Dead 6×09: ne vogliamo parlare!?

Finalmente torna The Walking Dead dopo la pausa invernale. Noi siamo fisicamente cambiati dopo Natale e Capodanno, siamo cresciuti, i cenoni ci hanno reso più cinici, più duri nell’animo e morbidi sui fianchi. Ma quei 25 chiletti in più non ci hanno comunque impedito di superare alla grande la prova costume, di Carnevale. E ora eccoci qua, a sperare che muoia qualcuno.

E invece Rick e gli altri non sono cambiati affatto, sono sempre li che tentano di uscire dalla casa, tenendosi per mano, di ritorno dalla festa in costume a tema “Lady Gaga vestita di bacon”

The Walking Dead 6x09

Ma prima c’è la questione Bertolli, Abramo e S’Ascia che vengono fermati mentre tornano a casa a bordo dell’autocisterna trovata per caso sotto le foglie secche. Vengono fermati da Lamberto Muoretti, detto “Equitalia”, personaggio dalle mille sfaccettature, tutte in analisi da anni, più o meno da quando il padre per il filmino del suo primo compleanno mise come sottofondo la sigla di X-Files. Muoretti è accompagnato dai suoi amici motociclisti, noti nella zona come gli Hell’s Miniciccioli. Il Muoretti, tenendo fede al suo soprannome, vuole sottrarre tutto ai nostri amici. Bertolli Robusto però non ci sta e sfodera subito subito la tecnica del “Scommettiamo che ti sposto con un dito?”, cercando di infilarsi il dito nelle mutande, dandogli il potere batteriologico di mille soli che esplodono, senza farsi vedere:

The Walking Dead 6x09

Ma Il Muoretti non è uno sprovveduto e si accorge in tempo dell’inganno. Bertolli prova dunque a ungerlo con lo sguardo, ma nemmeno questa volta ha successo. Abramo, il capo tifoseria della Roma, con la giacchetta delle grandi occasioni (perchè non trovava più la tuta mimetica) e S’Ascia, non possono fare nulla perchè sono tenuti sotto tiro dagli Hell’s Miniciccioli. Quindi la questione è tutta tra Bertolli e Muoretti. Ma l’uomo costituito al 75% da sporco ha un ultimo letale asso nella manica. Fa finta di tirarsi via la lanina che cresce nell’ombelico, nel suo caso due maglioni a collo alto 100% cashmere, e invece tira fuori un cazzutissimo bazooka che fa esplodere Muoretti e i Miniciccioli, in un magico spettacolo pirotecnico degno del miglior Bruce Willis. Che coi tempi che corrono, dico, se non vai in giro con un bazooka te le vai anche un po’ a cercare. O no?

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

Evidentemente a Bertolli non interessava l’aneddoto.

Ma torniamo ad Alessandria, dove Rick, Michonne, Don Dramma, Carletto e la famiglia dei problematici (la bionda, Edgar Spaccacazzi e il piccolo Frangino), riescono ad uscire di casa, tenendosi per mano, vestiti da assorbenti interni. Dovete sapere che la produzione di The Walking Dead ha ricevuto tantissime lamentele riguardo ai figli della bionda, che hanno troppo rotto le palle. Io stesso ho mandato una busta con dentro un proiettile. Quindi la produzione ha chiamato lo sceneggiatore chiedendogli di rimediare.

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

Immagine 17

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

Inutile dirvi che Rick, con la storia che gli hanno ucciso la bionda, la prende malissimo. C’è un fotogramma che più di mille parole riesce ad esprimere le emozioni di Rick quando in quel momento vede scorrere davanti agli occhi la sua vita sessuale futura:

the walking dead 6x09

Poi vabbè, il produttore richiama lo sceneggiatore per parlargli anche di Carletto, che ha rotto il cazzo medio, ma quello ormai da sempre, e ci siamo un po’ tutti abituati. La telefonata tra i due si conclude quindi con un “Dai vabè, vedremo…“. Lo sceneggiatore però capisce “Dai vabè, Polifemo…

the walking dead 6x09

Però scusate, prima ancora che tutto questo mangiamento di cagacazzi avesse inizio, non posso non ricordarvi il momento di gloria di Don Dramma, che in un momento altamente drammatico decide di alzare ulteriormente l’asticella e di farsi carico della piccola Giuditta. Che lo sanno tutti che le scene drammatiche con i bambini sono ancora più drammatiche. È la sua occasione. Il premio per il miglior dramma non protagonista a sto giro non glielo può togliere nessuno:

The walking dead 6x09

La storia di un prete drammatico che attraverso la forza dello sconforto trova il coraggio di abbandonare il ruolo da protagonista in 13 Anni Schiavo per prendersi cura di una bambina non sua, figlia di un uomo che giustamente lo odia, durante l’apocalisse zombie.

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

the walking dead 6x09

Dopo 40 minuti Rick accetta.

E voi tutti vi starete chiedendo dove sono e cosa fanno il Primario Loredana Mediconi e lo scappato di casa Walter Walter, detto Più Gusto, perchè ha i denti color paprika? Niente, stanno mettendo in scena una versione a bassissimo budget de La Bella e la Bestia:

the walking dead 6x09

Walter Walter detto Più Gusto ha la particolarità/Super Potere di non essere attaccato dagli zombie quando sorride. Ma muore comunque.

Poi succede un casino. Rick ha appena perso la Bionda e gli hanno tolto la possibilità di poter parlare degli occhi di suo figlio usando il plurale. Gli vengono i 5 minuti e esce a randellare zombie, talmente tante randellate che ad un certo punto gli zombie provano a calmarlo “Oh, stavamo a giocà”

La gente di Alessandria vede dalle finestre Rick che affronta da solo l’apocalisse zombie e scendono tutti in strada a randellare qualsiasi cosa cosa zombie. Il giorno dopo ad Alessandria verrà organizzato un corteo contro la violenza sugli zombie.

the walking dead 6x09

Veramente un massacro totale, chiunque prende in mano qualcosa per picchiare gli zombie, anche personaggi mai visti prima, anche persone che passavano li per caso. Ad un certo punto entrano sul set a menare gli zombie anche l’addetto alle luci e un cameraman della produzione. Pure Eu-Genio prende in mano il machete oh. Don dramma vede quello che sta succedendo in strada, reputa tutto altamente drammatico, e per paura di perdere il primato nella specialità decide di uscire anche lui a menare gli zombie. Ovviamente non prima di aver fatto il discorsetto epico alla Mel Gibson:

the walking dead 6x09

Senza ombra di dubbio il mio personaggio preferito.

Mentre fuori prosegue il delirio, Il Marito della Moglie di Glenn scopre di essere immortale e salva la Moglie di Glenn. Per fortuna arrivano S’Ascia e Abramo coi mitra a cercare di risolvere tutto in modo pacifico. Poi arriva anche Bertolli con la sua personalissima autocisterna per l’olio di ricambio, e da fuoco ad un laghetto mai visto prima. Perchè Bertolli odia l’acqua e nel marasma generale ha provato ad uccidere il suo più grande nemico. Gli zombie, infreddoliti, appena vedono il fuoco tutti che si avvicinano. Ma essendo zombie, non hanno bene il senso delle distanze, si sà, e quindi finiscono tutti nel rogo.

L’episodio si conclude con Rick che cerca di accettare la cosa di avere un figlio pirata

the walking dead 6x09

La prossima volta Carletto tornerà a casa con un uncino al posto della mano, una gamba di legno e un pappagallo sulla spalla?
Bertolli riuscirà ad uccidere l’acqua e permettere allo sporco di dominare il pianeta Terra?

Mille mila zombie trucidati, e i giornali non ne parlano. Svegliaaaa!!!

The walking dead 6x09

Voi avete visto The Walking Dead 6×09? Cosa ne pensate?  

– Ci tengo a dire, per prevenire minaccioni e malocchi vari laggiù nei commenti, e soprattutto per cercare di non ritrovarmi, come ogni mercoledi mattina, la macchina rigata con le chiavi, che questo articolo non vuole essere una critica alla serie televisiva, che io adoro, ma un modo di commentare la puntata easy easy, in simpatia e in allegria, così, per tirare un pò su di morale a quegli sfigati in giro per la Georgia, ok?

Se vi siete persi qualcosa andate a leggervi i riassuntoni precedenti QUI!

E non dimenticatevi di cliccare “Mi Piace” sulla pagina Facebook di Nerd Army per non perdervi nemmeno un post e per dire la vostra sull’episodio QUI

Loading...
Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.