La freschezza del Marcio, Mondo Marcio
La freschezza del Marcio, Mondo Marcio
Loading...

Mondo Marcio Piatti Rotti Testo

Testo Piatti Rotti estratto da “La Freschezza Del Marcio

Non so quando mi hai perso
Non so dove sei adesso
Mi guardavo allo specchio e non ero io nel riflesso
Dicevi “non cambiare”
Come potevo?
Tu iniziavi ogni frase dicendo “stavolta sarà diverso”
È il sapore del sesso
Poi un sapore più spesso
Quella sensazione tipo “ti voglio qua e adesso”
E ti ho tagliata dentro
Ora conti le ore
Dici ti ho fatto male?
No, ti ho fatto un favore
Ti ho strappato le ali
E senza ali non voli
Ci siamo rotti in due
Ci aggiustiamo da soli
E ora vorresti darmele, bambola, Annabelle
Non sono un granchè a dire addio ma sono il numero uno a andarmene
Non voglio queste cagne, assetate di scarpe,
borse e cene
Tu e io come Venere e Marte
Ti ho vista al locale
Già sapevo che quando finiva avrebbe fatto male

Cos’è rimasto?
Cos’è rimasto?
A parte i piatti rotti
E tutti i tuoi ricordi
Cos’è rimasto?
Cos’è rimasto?
A parte i piatti rotti
E tutti i miei ricordi
Non ci è rimasto
Niente

Io e te in giro in strada
Fumando cioccolata
Scusa se rido ma mi amavi di più da ubriaca
Mi immagini con Sara
o Giulia se impara
Mi hai dato tutto e io ti ho fatto colare il mascara
Impara la lezione
Al mondo non c’è amore
Solo interesse e noi avevamo un’ottima ragione
Per perdere la direzione, eri strana
“Chi è quella puttana?” era diventato il mio secondo nome
Litigate per ore
Dovevo starci attento
La quarta dimensione
Nel nostro spazio-tempo
A occhi chiusi mi vedi
Dicono “impara a amare ciò che hai o la vita ti insegna a amare ciò che avevi”
Di nuovo sui miei piedi
Nessuno sa volare
Mi hai visto splendere
Mi hai visto sanguinare
Ti ho vista al locale
Già sapevo quando finisce questa farà male

Cos’è rimasto?
Cos’è rimasto?
A parte i piatti rotti
E tutti i tuoi ricordi
Cos’è rimasto
Cos’è rimasto
A parte i piatti rotti
E tutti i miei ricordi
Non ci è rimasto
Niente

Non c’è giustizia come chi caccia l’avorio
Anche un angelo darebbe le ali per il tuo purgatorio
E io ti ho trascinata insieme a me all’inferno
E uscirne è come dire a un tossico di stare fermo
È come vivere al mare ma è sempre inverno
Un esperimento di un dio maldestro ci ha fatto questo e ora è fuoco eterno
Vorrei riavvolgere il tempo perso, riaverti adesso
Solo per raccontare una bellissima bugia a me stesso

Cos’è rimasto
Cos’è rimasto
A parte i piatti rotti
E tutti i tuoi ricordi
Cos’è rimasto
Cos’è rimasto
A parte i piatti rotti
E tutti i miei ricordi
Non ci è rimasto
Niente

Mondo Marcio Piatti Rotti Testo

Loading...