Loading...

I seguenti contenuti sono ovviamente inventati. Hip Hop BullShit

Geniale idea dei creativi della Walt Disney che, intuito il potenziale successo, hanno ideato una rivisitazione di alcuni dei grandi classici tra i loro cartoni animati ma con una particolarità: i protagonisti saranno alcuni dei più noti rapper italiani.
Ma andiamo a conoscere la trama di alcune di queste “rivisitazioni”…

Pinocchio

Il nuovo Pinocchio è interpretato da Fedez, il quale impersona un burattino disposto a dire le peggio bugie per raggiungere il successo.
Il finale è leggermente diverso dall’originale in quanto Pinocchio oltre a continuare a dire bugie, dice anche un sacco di cazzate in televisione. Da segnalare nel cast anche la presenza di Guè Pequeno e Dj Harsh nel ruolo del gatto e la volpe, che cercano di appropriarsi delle monete d’oro di Pinocchio (e per un periodo limitato di tempo ci riescono).

La bella addormentata nel bosco

Questa rivisitazione vede come protagonista Inoki. Il rapper è beatamente addormentato mentre tutti i suoi colleghi fanno successo e soldi. Anche qui il finale è un pò diverso, infatti Inoki viene svegliato dal rumore dell’Hammer di Guè Pequeno con al volante Emi lo Zio che passa a tutta velocità vicino al bosco.

Alla ricerca di Nemo

Qui la storia vede un sostanziale cambiamento dall’originale: infatti nel film Disney il padre di Nemo per tutta la durata del film cerca disperatamente il figlio. Nel “remake” Nemo è interpretato da Mondo Marcio che, al contrario passa la sua vita a cercare il padre che invece non si vuole far trovare, vergognandosi come un ladro della carriera intrapresa dal figlio.

Robin Hood

Come tutti sappiamo nell’originale Robin Hood ruba ai ricchi per dare ai poveri. Ebbene, nella nuova versione Robin Hood ruba i soldi a delle ragazzine minorenni, incapaci di intendere e volere, per arricchire il suo patrimonio personale e acquistare per se stesso beni di lusso. Robin Hood è interpretato da Emis Killa.

emis

La principessa sul pisello

Per il ruolo della principessa è stata scelta Baby K, mentre per il protagonista maschile si vocifera sulla presenza di Rocco Siffredi.
Baby K ha dichiarato di non volere nessuna controfigura, ma di voler girare in prima persona tutte le scene, anche quelle più pericolose.

Il brutto anatroccolo

Per il ruolo del brutto anatroccolo è stato scelto il rapper romano Canesecco. Non tanto perchè ricordi un anatroccolo, ma proprio perchè è brutto. Anche in questo caso il finale purtroppo non è a lieto fine, infatti il brutto anatroccolo rimane brutto e continua ad essere preso in giro dai paperotti più belli interpretati da Gemitaiz e Madman.

canesecco

Frozen

Un giovane principe interpretato da Moreno, amante della musica, compone canzoni così brutte da “gelare” tutto l’ambiente circostante, portando così l’inverno in tutto il regno. A salvare la situazione in questo caso non ci sarà una principessa, ma un rapper rivale interpretato da Marracash che con la pubblicazione dell’album “Status” riporta la primavera nel regno, dando così respiro al popolo ormai strenuato dalle canzoni di Moreno.

La carica dei 101

Visto il boom mediatico ottenuto dalla musica rap, un orda di 101 rapper emergenti (o pseudo tali) comincia a pubblicare a caso qualsiasi tipo di prodotto… album, mixtape, ep, saturando quindi il mercato musicale.
Crudelia Demon è interpretata al maschile da Kaos One, che dopo aver rapito tutti e 101 i rapper li uccide e usa i corpi per farne degli zerbini sui quali pulirsi i piedi.

kaos

Biancaneve e i sette nani

Una ragazza con una vaga somiglianza ad un uomo (ma questo non è fondamentale ai fini della storia) prende sotto la sua ala protettiva sette derelitti schifati dalla società cirocostante e riesce a portarli ad essere rispettati e addirittura invidiati da tutti.
La ragazza è interpretata da Paola Zukar e i sette “nani” in questo caso sono Fabri Fibra, Guè Pequeno, Jake La Furia, Marracash, Emis Killa, Fedez e Briga. Tutti i personaggi hanno dovuto ricorrere a trucchi scenografici per apparire come nani tranne Emis Killa che è rimasto ad altezza naturale.

Fantasia

In questo rifacimento del grande classico Disney i più bravi rapper in circolazione (interpretati da Salmo, Kaos One, Noyz Narcos e altri…) arrivano al successo senza doversi piegare alle regole del mercato, continuando quindi a fare la loro musica senza compromessi. I loro pezzi vengono trasmessi da tutte le radio e su MTV, e occupano i primi posti delle classifiche di vendita.
Nessun talent show permette a nessuno di saltare la gavetta arrivando così al grande pubblico, dando una visione distorta della cultura hip hop e della musica rap. In ogni angolo d’Italia vengono organizzate delle jam nelle quali vengono rappresentate le quattro arti e vengono chiamati in causa gli artisti più meritevoli e non i soliti 4 amici degli amici.
Insomma… pura “Fantasia”

Peter Pan

Peter Pan è interpretato da J-Ax che, come il protagonista del celebre cartone animato, non vuole mai crescere e continua a scrivere canzoni per bambini piccoli nonostante abbia quasi raggiunto l’età di 45 anni e forse dovrebbe pensare ad averne in casa di bambini, piuttosto che averli ai concerti.
Alla fine del film persino i bambini si stufano delle sue canzoni e mandano in esilio J-Ax sull’Isola che non c’è insieme al Capitan Uncino interpretato ovviamente da Francesco Facchinetti.

ax

Il pianeta del tesoro

In questa rivisitazione tutti i rapper scoprono un pianeta chiamato “Universal”, noto anche come il pianeta del tesoro in quanto permette loro di diventare ricchissimi semplicemente facendo canzoni di qualità mediocre.
Alla fine il pianeta viene talmente preso d’assalto che il tesoro finisce, e i rapper essendo costretti a fare buona musica (e non essendone in grado) scompaiono uno ad uno dal pianeta.

Il Re Leone

Chiudiamo questo ignobile elenco di oscenità con una dedica seria, una dedica a Primo Brown, scomparso prematuramente un mese fa. Quale cartone animato più adatto del “Re Leone”? Per lui che è stato e sarà sempre un vero “king”, un vero “leone”… ciao Primo.

primo

Loading...
Condividi
Andrea Bastia
Appassionato di hip hop e in particolare di graffiti, disciplina nella quale si è anche cimentato (ma con scarsi risultati). Attualmente gestisce la rubrica Hip Hop Bullshit su Hano e il sito Hiphopmadeinita.it