Oggi sarà fuori Whisky: il nuovo singolo di Raige che anticipa l’album previsto per il prossimo autunno; noi abbiamo fatto due chiacchiere con Raige per cercare di capirne qualche cosa di più! Ecco quello che possiamo dirvi. Come dicevamo prima, Whisky uscirà oggi; noi l’abbiamo ascoltata in anteprima: il pezzo parla di una donna, e fin qui non ci sono grosse novità, ma questa volta Raige va oltre la “semplice” ballad d’amore alla “Mille Volte Ancora” e ci propone un pezzo più complesso che parla di amicizia, sentimenti, maturazione.

Crescendo si cambia, e cambiando si prendono strade diverse“lotto per essere forte  e per vivere la vita che penso di meritare, poi le circostanze ti portano a cambiare”; Whisky parla proprio di questo, come il superalcolico il mondo è buono ma troppo forte da mandare giù se non si ha il palato giusto e nel whisky on the rocks i cubetti di ghiaccio galleggiano come le persone nel mondo, a volte annacquandolo un po’.

[dbees id=557ff27be5e1683025fe61eb]

L’album, purtroppo, non sarà pronto prima di ottobre (ma siamo convinti che possa valer la pena aspettare), e si intitolerà Alex, portando lo stesso nome di battesimo del rapper torinese. Sarà un disco con una scrittura più elaborata che conterrà Raige/Alex al 100%, anche perché la Warner, sua etichetta discografica da un anno ormai, non sembra mettergli i bastoni tra le ruote e lo lascia a briglia sciolta, anzi, sicuramente il passaggio ad una major gli è servito molto per maturare a livello artistico ma anche, e soprattutto, lavorativo; il lavoro è più professionale, ma non per questo meno genuino.

Se vi aspettate un disco real hip hop avete sbagliato artista, mi dispiace per voi, ma non per questo non meriterà di essere ascoltato. Raige prende le distanze dalla scena, non si sente più hip hop ma non vuole darsi etichette, vuole solo fare Raige.

“Non c’è niente di più pop del rap, perché quelli che funzionano hanno le ragazze di 13 anni che non hanno ancora avuto il mestruo a comprare dischi e riempire piazze”

Già che c’eravamo abbiamo parlato un po’ anche del Coca Cola Summer Festival.

Non vi ricordate cos’è? Non l’avete mai sentito nominare? Non preoccupatevi ci pensiamo noi a rinfrescarvi la memoria: avete presente Rudy Zerbi che andava in giro per Roma a regalare bottigliette di Coca-Cola in un programma televisivo? Si esattamente quel programma in cui chiedeva alle persone di “dirlo con una canzone” (ma dire COSA poi?). Quello era l’evento di promozione di questo festival che si è svolto durante l’estate scorsa, la competizione si svolgeva tra artisti emergenti, e tra “Big” della musica italiana votati entrambi dal popolo sul sito di RTL 102.5 o tramite twitter.

Indovinate chi l’anno scorso ha partecipato all’evento nella categoria esordienti? Esatto, proprio Raige che, dopo aver vinto la terza puntata con il pezzo Ulisse, è stato battuto da una certa Santa Margaret.

“Hanno vinto gli altri con tutta la piazza che gridava Raige, Raige”.

Sicuramente però, è stata per Raige una crescita personale che lo ha messo a confronto con un pubblico ben diversificato e non settoriale, da conquistare rima su rima, ops, nota su nota.

So che vorreste sapere di più su Alex (disco), ma purtroppo tutto quello che possiamo dirvi è che Alex (cantante) si è tolto un paio di sassolini dalla scarpa e che dovremo aspettarci qualche grossa collaborazione.

In attesa del disco speriamo di poter rivedere Raige di nuovo su qualche grosso palco, magari questa volta in gara con i Big e non con qualche ragazzino.

Giacomo Frigerio (twitter @gj_jack)

Condividi
Giacomo Jack Frigerio
Classe 1993, Giacomo Jack Frigerio vide per la prima volta la luce in Monza e da allora vi vive più o meno stabilmente. Dopo un percorso scolastico travagliato capisce che le cose che li vengono meglio sono scrivere e sputare sentenze; da allora si dedica ossessivamente a queste due. Opinionista per Hano.it dal 2015 e frequentatore assiduo di osterie, trattorie e vinerie; tra i suoi hobby potete trovare: l'hip hop, la musica, le tavolate di amici, poltrire e guardare la pioggia da un luogo asciutto