I consigli per la lettura di oggi possono benissimo concentrarsi su un unico titolo. Lo Scultore, di Scott McCloud. Perchè probabilmente sarà una delle cose migliori che avrai mai letto.

Scott McCloud è senza dubbio uno dei più importanti teorici della nona arte (tra le sue opere: Capire il Fumetto, Reinventare il FumettoFare il Fumetto), e quando ti ritrovi tra le mani un maxi volume da 500 pagine della prima graphic novel dell’autore, la curiosità e le aspettative si fanno altissime. Tutto ripagato con piacevole sorpresa.

scott_mccloud_lo_scultore_bao_publishing

David Smith è uno scultore. Ha appena compiuto ventisei anni, e forse il suo quarto d’ora di gloria è già passato. Solo al mondo, senza un soldo, senza un mecenate che creda in lui, David incontra un vecchio zio che gli propone un patto che non ammette esitazioni: duecento giorni in cui potrà scolpire la materia a mani nude come se fosse acqua, ma poi morirà.

Chi è realmente Zio Harry? Come può David accettare serenamente la sua proposta? Quando la tecnica non è più un problema, l’ispirazione viene spontanea? Cos’è l’arte, cos’è l’amore, come si impara consapevolmente a morire? 

500 pagine che nemmeno te ne accorgi, divorate, difficile smettere prima di essere arrivati alla fine. Perchè Lo Scultore è intenso e coinvolgente come ti eri dimenticato che potesse essere un fumetto, perchè è poetico, perchè è una bellissima storia d’amore e perchè, più semplicemente, è una bella storia raccontata meravigliosamente.

Inutile dirvi che come al solito l’edizione Bao Publishing è pregiatissima, un perfetto scrigno per un gioiello come Lo Scultore. 21 euro spesi benissimo.

1

Settimana scorsa è uscito il primo numero di Darth Vader, seconda uscita italiana per il nuovo universo fumettistico di Star Wars sotto l’insegna Marvel/Disney. La serie scritta da Kieron Gillen e illustrata da un Salvador Larroca in stato di grazia, si propone come rovescio della medaglia rispetto alla testata ammiraglia Star Wars. In queste pagine vedremo l’universo, la guerra e i personaggi attraverso gli occhi dell’oscuro signore. In questo primo numero succede poca roba eh, ma è un orgasmo grafico tutto da sfogliare.

E’ uscito l’ultimo numero di Dragon Head. Il numero 10 del manga di Mochizuki termina come temevi, e in fondo, nell’unico modo in cui poteva concludersi. Non aggiungo altro.

Mezza delusione anche per Extinction Parade, scritto da Max Brooks (World War Z), perchè insomma, da una trama che mette sul piatto una lotta tra vampiri e zombie per il dominio sulla razza umana, dai, ti aspettavi molto di più, e invece è tutto piuttosto macchinoso e noioso per gran parte del volume di Panini Comics. Certo si tratta del primo volume e c’è la possibilità che nei prossimo la storia decolli. Stiamo a vedere.

Extinction_Parade_#1

 

Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.