01209

Nel nuovo mondo Battleworld, non c’è un unico Thor, ce ne sono tanti provenienti dalle più diverse realtà Marvel. Tanti da costituire un vero e proprio esercito con sede nel distretto di Doomgard, ai sevizi del Padre di Tutto… Destino. Quello dei Tonanti rappresenterà un vero e proprio corpo di polizia a difesa di tutti i reami del pianeta. Ad approfondire le dinamiche e le avventure dei Thor ci penserà la miniserie realizzata da Jason Aaron (testi) e Chris Sprouse (disegni), intitolata Thors.

L’autore della serie ha dichiarato:

C’è un po’ di tutto questo. Vedremo certamente tantissimi Thor nel corso della serie, ma ci focalizzeremo prettamente su un paio di questi. Il personaggio principale sarà il Thor dell’Universo Ultimate: lui sarà il nostro detective capo. Lo vedremo fare squadra con diversi personaggi, ma di base la storia vedrà lui impegnato a risolvere una serie di omicidi che avranno una connessione molto specifica con la mitologia di Thor. Scrivere questo racconto è stato molto divertente, già con l’arco narrativo Il macellatore di dei mi entusiasmai nello scrivere una storia con protagonisti tre Thor diversi. Ora ho portato tutto al livello successivo, e ho un’intera stazione di polizia piena di agenti che rispondono al nome di Thor. Alcuni di questi saranno delle versioni mai viste prima. La cosa che più mi appassiona è lo scrivere quello che è sostanzialmente un drama poliziesco: è come se stessi realizzando il mio personale episodio di Homicide: Life on the Street, solo che al posto delle pistole vi saranno i martelli come armi d’ordinanza.”

02166

Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.