And the winner iiiiiiis: Steph Curry!!!”. Certo questo annuncio, quando verrà urlato all’inizio di gara 2 alla Oracle Arena, sarà seguito da un boato di gioia; gente in delirio si strapperà i capelli all’ingresso in campo dell’MVP di quest’anno: Steph Curry. Bisogna però essere per un attimo onesti e dire che un po’ ce l’aspettavamo tutti, dai come si fa a non dare a lui questo premio dopo l’Annata (con l’A volutamente maiuscola) che ha fatto?!?

Il giovanotto, classe 1988 di Akron, non solo ha guidato i Golden State al miglior record della stagione NBA, ma ha realizzato lo storico record di triple in una singola annata (273 bombe in una stagione, non so se rendo l’idea!!!). Ma dai come si fa a stupirsi del fatto che l’abbiano dato a lui? Un giocatore che quest’anno ha viaggiato a 23,8 punti, 4,3 rimbalzi e 7,7 assist di media a partita, tirando con il 48,7% dal campo: semplicemente IRREALE.

Guardare le partire degli Warriors quest’anno era un vero e proprio spettacolo; il numero 30 fa girare la palla come nessun’altro in NBA, micidiale dall’arco, imprevedibile con la palla in mano riesce a creare vere e proprie magie per i compagni.
Ciò che resta da fare, quindi, è rendere onore al vincitore, che ha saputo lasciarsi alle spalle giocatori del calibro di Harden, LBJ, Westbrook e Davis; per la serie quest’anno in NBA non c’erano giocatori capaci di giocare a Basket!!!

Ora chissà se Steph si prenderà ancora meglio grazie a questo premio e porterà i Golden State alla conquista dell’anello.
Io onestamente sarei solo contento!

I love this game!

T-Flame (su twitter @TiaWorldPassion)