2

Come sempre Cyrano Comics cerca di esplorare nuove trame e di dare vita ai sogni bagnati di nerd e geek. Tipo i cosplayer che si menano legalmente, chi non correrebbe a vedere un evento meraviglioso del genere. Ecco perchè questo Cosfight sembra dannatamente interessante, se poi vogliamo aggiungerci che realizzarlo ci hanno messo mano alcuni dei migliori talenti italiani…

A giungno ci aspettano 240 pagine di botte, calci volanti e mazzate vere tra cosplayer di ogni tipo

Cosplay  costume play  cosplay ) –  Il termine è una contrazione delle parole inglesi costume e play,che descrivono l’hobby di divertirsi vestendosi come il proprio personaggio preferito.
Cosfight costume fight  cosfight ) – Il termine è una contrazione delle parole inglesi costume e fight,che descrivono un particolare tipo di lotta tramite Costume Z™, che conferisce i poteri del propriopersonaggio preferito.
Ripeto: non è un gioco. È un vero e proprio combattimento.Immaginate un torneo che metta in campo i protagonisti dei vostri fumetti preferiti, i combattenti più terribili dei manga, i supereroi più potenti di tutte le epoche e i personaggi più bizzarri di anime e cartoon, riuniti insieme per darsi battaglia, senza esclusione di colpi. Vi siete sempre chiesti chi avrebbe vinto tra il tisico truzzone tagliente e i guerrieri dalle mani al neon? Sognate di vedere l’azzurrone scontrarsi con gli alieni dai capelli platinati? Ora le vostre fantasie possono diventare realtà. Seguite la nuova edizione del Cosfight World War, in esclusiva sulle frequenze di Watanabe TV…ehm…nel nuovo volume di Cyrano Comics!

1

 

e

Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.