L.U.N.A.” (L’Ultima Notte Assieme) è il primo album ufficiale di FRANK SICILIANO, suona strano ma è così, nonostante i 15 anni sulla scena Hip-Hop italiana, nonostante Frank Siciliano sia uno dei fondatori della Unlimited Struggle questo è il suo primo album. Sono passati 13 anni da Notte Blu (e dal capolavoro 60Hz di Dj Shocca) e si sente. Frank è molto più maturo e ci accompagna (o si fa accompagnare da noi?) nel suo viaggio introspettivo nel buio della notte raccontandone ogni sua sfaccettatura con la luna che fa da sfondo.

14 pezzi in totale, le produzioni sono principalmente di Roc Beats ma troviamo anche beat di MadBuddy, Big Joe, FidMella, Zonta e lo stesso Frank Siciliano.

Proprio a contraddire la mia introduzione ci pensa il primo pezzo (dopo l’intro), Buongiorno, uno dei miei preferiti che però nulla ha a che vedere con la notte e lo si capisce dal titolo. Il beat è affidato a Dj Shocca e Frank alterna – come in quasi tutto l’album – rime rappate a rime e ritornello più cantate o comunque melodiche, melodia che raggiunge il suo apice in “Rischiare di perderti” brano prodotto da Shocca e completamente cantato.

Appena parte il beat grasso della title track L’Ultima Notte Assieme sembra di essere tornati nella golden age ma i suoni di un inconfondibile Big Joe ci fanno capire immediatamente di essere nel 2015, la coppia Frank Siciliano + Ghemon funziona bene come abbiamo avuto modo di capire in questi anni (mi viene in mente ad esempio “L’Amore” su “La rivincita dei buoni di Ghemon”) e anche in questa occasione non deludono le aspettative.

In Pelle, fumo e sogni troviamo Cali e Johnny Marsiglia i quali ci fanno capire che nonostante le difficoltà, nonostante il nostro Paese non dia grandi opportunità e nonostante le “pezze al culo” non hanno intenzione di mollare e di mollarlo (il Paese) e per questo “La gente è al limite e non tratta più, nella piazza tutta Unlimited ha i pugni su!”.

Direzioni Opposte è un pezzo del 2009 prodotto da Roc Beats aka Dj Shocca ed è stato il primo pezzo scritto per questo progetto dalla gestazione molto lunga. In tra sogno e realtà troviamo un Mistaman riflessivo che, insieme a Frank, parla di sogni realizzati e realizzabili

i sogni d’oro, i sogni di successo, per me fare questo è già un sogno dentro un sogno come inception, ho nascosto nel mio inconscio un universo, ogni posto che conosco e che mi son perso ora conosco me stesso” anche se personalmente preferisco più il Mista che fa giochi di parole, anche di difficile comprensione e prende in giro l’ascoltatore.

Stokka e MadBuddy (oltre al beat di Oh Boy prodotto da Buddy) li troviamo al Microfono in La mia verità, mentre la traccia prodotta dallo stesso Frank Siciliano si intitola L’uomo allo specchio altro pezzo introspettivo in cui l’artista si racconta e parla con se stesso riflettendo anche sul tempo che passa.

L’album nel complesso risulta fresco anche se molto introspettivo e suona contemporaneo pur mantenendo quel suono tipico della golden age che – è lampante – piace tantissimo a Frank Siciliano e Dj Shocca.

Dj Spessore (twitter @djspessore)