Immagine 29

La puntata inizia con un flashback, che ci mostra come Sersi, detta Mignonza, fosse una stronza anche da piccola. La giovane principessa si reca dalla strega zingara nel bosco, che le predice il futuro alla modica cifra di una ciucciata di dito. 

Vabbè, Mignonza all’inizio capisce male:

Immagine 8

 

E invece no. La strega le dice che dei 30 figli che avrà suo marito, il re, solo 3 saranno suoi, mimandole il segno delle corna. E facendo il verso dell’alce.

Immagine 9

 

Si torna al presente, e Mignonza si reca a palazzo per il funerale del padre. Lord Merdonzo. Quello ucciso sulla tazza del cesso dal figlio nano che l’aveva beccato sbattersi la sua fidanzata prostituta. E poi mi chiedono perchè amo Game Of Thrones.

Ecco la scena in cui Mignonza passa tra i suoi amanti e due sudditi, aspiranti amanti:

Immagine 10

Ed ecco la salma di Lord Merdonzo, che qualcuno gli ha disegnato gli occhi finti credendo fosse uno collassato dalla sera prima. Per ridere. A sorpresa, nessuno dei Lannister ride.

Immagine 11

 

Visto da questa angolazione fa ancora più ridere:

Immagine 12

 

Da un altra parte invece, Otelma libera il nano dalla cassa, è riuscito a portarlo al sicuro sull’isola di Giardino, patria natia del nano. Che, vabè, tutti giù a ridere ogni volta che veniva annunciato a palazzo:

Immagine 15

 

Da un’altra parte ancora, un’immacolato, uno dei sottoposti di Verme Grigio, tale Coccinella Turchese, si sta facendo un puttan tuor, dimenticandosi di essere un immacolato

Immagine 17

 

Non potendo soddisfarlo sessualmente la prostituta prova a fargli le coccole con i grattini tra i capelli, ma Coccinella Turchese non ha nemmeno quelli. Lei presa dalla disperazione, lo fa sgozzare da uno che passava di li, che stava andando al Lucca Comics.

Immagine 18

 

E si passa subito al Nord, sulla Barriera, dove Lord Stannis, detto “Quello alla mano”, accompagnato dalla strega Melisantropia, hanno interrotto il convegno di leghisti proprio mentre Lord Salvini stava per dare l’ordine di abbattere gli accampamenti dei bruti con le ruspe.

Giovanni Neve viene accompagnato da Melisantropia da Stannis. Durante il tragitto Melisantropia ci prova duro facendo l’accaldata:

Immagine 20

 

Ma Giovanni Neve non ha tempo per il sesso occasionale perchè, giustamente, deve crucciarsi per le cose. A caso. E anche se siamo solo a metà episodio, c’è il forte rischio che Melisandra finisca la sua prima puntata senza perdere i vestiti.

Stanni cerca di convincere Giovanni a convincere il re dei bruti, Re Orendo, ad unirsi al suo esercito, e conquistare tutto il nord. Però prima Orendo il Re dei Bruti, deve inchinarsi a Stanni.

Orendo risponde con un pizzico di sarcasmo “Credici, Stanni certo!”

Da un’altra parte ancora, Dito Corto, chiamato così perchè mai è riuscito ad arrivare a quella caccola gigante che da sempre giace in fondo al suo naso, tanto da essere divenuta ormai a tutti gli effetti un terzo occhio, sta facendo il Moggi della situazione e organizza piani diabolici e tranelli. Ormai non sa più nemmeno lui cosa sta architettando. Ha esagerato ad architettare. Che poi sogghigna qualsiasi cosa dica, e quel ghigno fa presupporre sempre un piano diabolico. Tipo che se dice “vado a fare la cacca” col ghigno, immagini che abbia in mente un piano per conquistare il mondo, con la cacca.

Immagine 22

 

Tra l’altro più che Dito Corto dovevano chiamarlo Bocca Stretta. Ce l’ha talmente stretta che se vuole mangiare un m&m’s, la deve tagliare a fette:

Immagine 24

Torniamo ad Approdo del Re, dove si festeggia il funerale di Tywin Lannister, e mentre sullo sfondo parte il trenino tra risate e barzellette volgari, Mignonza incontra un suo cugino. Ormai è inutile specificare quando si parla di Mignonza, perchè con lei “parente” è sinonimo di “amante”. Comunque fa finta di non riconoscerlo, con la scusa che da vestito è difficile.

Dopo, dei culi maschili che fanno la lotta da sdraiati. Uno è Loras, il Cavaliere dei Fiori, l’altro Nerchio, Cavaliere di Bastoni

Torniamo sull’isola di Giardino dove Nano Da Giardino si sta scolando un Amaro Montenegro in ricordo di quella volta che con degli amici portarono in salvo l’antico vaso:

Immagine 25

 

Da un altra parte, in quel posto nel deserto col nome difficile, la gente inizia a rivoltarsi perchè dopo il divieto di far l’elicottero col pisello imposto dalla regina Kal-Easy, per rispetto dei suoi Immacolati, in quel posto li non è più vita. Per fortuna interviene Dahario Naharis, che spogliandosi convince in tempo record Kal-Easy

Immagine 27

 

Ma poi, quando Kal-Easy va a trovare i suoi draghi, questi sembrano non riconoscerla più come madre. Kal-Easy retrocessa a Zia Dei Draghi.

Intanto, al Nord. Stanni ordina di bruciare vivo Re Orendo Dei Bruti, ma Giovanni Neve trafigge il condannato con una freccia prima che questo possa iniziare ad urlare di dolore tra le fiamme.

 

Voi avete visto il primo episodio della quinta stagione di Game of Thrones? Cosa ne pensate?  

– Ci tengo a dire, per prevenire minaccioni e malocchi vari laggiù nei commenti, e soprattutto per cercare di non ritrovarmi, come ogni mercoledi mattina, la macchina rigata con le chiavi, che questo articolo non vuole essere una critica alla serie televisiva, che io adoro, ma un modo di commentare la puntata easy easy, in simpatia e in allegria, così, per tirare un pò su di morale a quegli sfigati di Westeros, ok?

 

Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.