Esce oggi in free download DANKSY, 8 pezzi che anticipano il nuovo album ufficiale dei Two Fingerz che vedrà la luce a luglio. Ascoltando i campioni utilizzati da Roofio, dalla collaborazione con i Fire Flowerz, produttori house con suoni molto funk, è chiara l’intenzione del duo milanese: continuare a unire strumentali che strizzano l’occhio alla dance (anche entrambi gli occhi azzarderei) a pezzi rap. Inoltre tra i producer troviamo anche Wap e Robione.

Danti è sicuramente un abile rapper e ce lo dimostra subito in “Uno come Danti” pezzo in cui rime in extrabeat si fondono con una strumentale in pieno stile “contemporaneo” 74 BPM che raddoppiano in alcuni punti e hat in 32esimi forse anche 64esimi in alcuni punti.

In “Bansky” Danti veste i panni del noto e anonimo artista “e domani quando ti sveglierai avrai sotto gli occhi tutta un’altra realtà perché stanotte mentre tu dormirai dipingo tutta la città zaino in spalla musica a palla” e conclude con “voglio un posto fra i grandi come Banksy e restare nell’ombra come Bansky”.

Gli argomenti in generale sono quelli a cui il rapper ci ha abituato da qualche anno a questa parte, ironici e irriverenti.

Tanti i featuring se pensate che sono solo 8 i pezzi totali e troviamo Raige, Babaman, i Datura (noto gruppo dance formatosi negli anni ’90) Rise BeatBox, WAP, Shade e Fred De Palma.

In sostanza, il disco è piacevole e gratis, quindi, ovviamente da scaricare; l’unica critica che mi sento di muovere è che forse, le 8 tracce, a parte la prima dove c’è come già detto un adeguamento con i tempi e quest’innovativa interazione con i fan (maturata con gli hashtag #soldanti e #condividanti), suonano un po’ “vecchie”: nulla d’innovativo rispetto agli ultimi lavori i quali invece sono sempre stati molto moderni e avanti con i tempi soprattutto per quanto riguarda la tecnica musicale che in “Danksy” risulta leggermente già sentita.

Ciò non toglie che sia un prodotto di livello che lascia presagire, nella sua interezza, ad un ottimo ritorno sulla scena dei Two Fingerz per quest’estate.

Dj Spessore (twitter @djspessore)