spider-man-avengers-marvel-universe-movies-970x0

Il direttore dei Marvel Studios, Kevin Feige, in una recente intervista ha avuto modo di parlare del nuovo Spider-Man che nel futuro vedremo condividere lo stesso universo cinematografico degli Avengers:Nel caso dell’Uomo Ragno hanno narrato le sue origini due volte nel giro di quanti? Tredici anni? Quindi partiamo dal presupposto che il pubblico conosca già le sue origini e come accade il tutto. Non sarà una storia di origini, dunque. Ma qualcosa di più ‘da grandi poteri derivano grandi responsabilità’. Le sue origini sono importanti per Spider-Man. Vogliamo rivelarle, ma magari in maniera differente e spendere più tempo su questo giovane liceale nell’Universo Cinematografico Marvel che ha a che fare con i suoi poteri. Penso che i precedenti film della Sony abbiano azzeccato alcune cose. In particolare il costume, le sue emozioni, le donne della sua vita. Ma ci sono anche molte cose ancora non fatte tipo A) il suo rapporto con gli altri eroi di quest’universo, cosa che non era possibile fare all’epoca e B) esploreremo uno Spider-Man molto più giovane come è stato fatto per molti e molti anni nei fumetti e, più recentemente, anche in Ultimate Spider-Man. I precedenti adattamenti vedevano Peter uscire dal liceo e diventare adulto in fretta e furia. Ci piacerebbe vedere anche il suo essere molto ma molto divertente quando è in costume. Non un comico ma il suo fare battute a raffica che innervosiscono i suoi nemici. E’ qualcosa che intendiamo esplorare. Abbiamo già il design del suo nuovo costume. E’ differente da quelli che avete già visto. Il nostro sarà lo Spider-Man classico.”

 

Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.