Ho visto il nero, il lavoro in nero
ho visto un dieci contro uno contro un uomo nero
ho visto il nero nei racconti di mio nonno che ora rivedo
camicie nere l’italia in un buco nero
nero come il buio che dentro mangiava piero
rinato con il sole buttandosi giù da un treno
dicono abbia riso ma c’ero nero per sempre
nero come l’universo senza le stelle
e ho visto il rosso, rosso come il toro
che carica e viene addosso, rabbia rimorso
rosso come a genova, c’eri sai di che parlo
rosso come gli occhi se fumi sai di che parlo
e ho visto il bianco, gli assegni in bianco
e notti in bianco mio padre scappare di punto in bianco
e ho visto voi che parlate parlate tanto
bla bla e poi alla fine andate in bianco

Ritornello
Non ho nessun colore addosso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ancora ne vedrò
sono troppi i tuoi colori adesso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ne ho viste e ne vedrò

ho visto il verde io sono al verde
ho visto l’erba del vicino ed è vero è sempre più verde
poi ho visto lei occhi verdi come due gemme
basta che mi guardi e capisco sperare sempre
e ho visto il grigio, il grigio di milano che si sveglia
il grigio di una cella il grigio perla
per la vita che è grigia e che non si ferma
i capelli di mio padre più grigi perchè invecchia
ho visto il blu la mia faccia piena di lividi
blu manganelli divise meglio dividersi
blu come il cielo ma il cielo non è il limite è zero
al limite il limite è l’universo intero
ho visto il viola sfiga per tutti
ho visto il viola di viola che bacia tutti
ne ho viste di tutti i colori e tu sei il peggiore
e non ti dico la parola ma è marrone

Ritornello
Non ho nessun colore addosso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ancora ne vedrò
sono troppi i tuoi colori adesso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ne ho viste e ne vedrò

Ho visto il giallo di un muso giallo
che da piazza tiananmen da solo ha fermato un carro
il giallo delle foto ingiallite dei tempi andati
il giallo del catarro e i polmoni belli che andati
ho visto l’azzurro e la nazione tutta attorno
zidane perde la testa e l’azzurro che invade il mondo
campioni del mondo padroni del mondo
l’italia è tricolore ritrovano un po’ di orgoglio
ho visto il rosa pantani e la maglia rosa
l’arrivo a braccia aperte il pirata che ora riposa
le donne non si toccano neanche con una rosa
mia madre lo diceva e menava per ogni cosa
ne ho fatte ne ho dette ne ho viste tutti i colori
però non ho bandiere divise non ho colori
io sono trasparente sogno la trasparenza
e sai cosa traspare sono maxi fino all’essenza

Ritornello
Non ho nessun colore addosso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ancora ne vedrò
sono troppi i tuoi colori adesso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ne ho viste e ne vedrò

Non ho nessun colore addosso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ancora ne vedrò
sono troppi i tuoi colori adesso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ne ho viste e ne vedrò

Non ho nessun colore addosso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ancora ne vedrò
sono troppi i tuoi colori adesso
non mi dipingerò adesso
non mi schiererò
ne ho viste e ne vedrò