Il 4 Febbraio 2015 è uscito Hallelujah il mixtape d’esordio del nuovo talento del rap romano SAINT. Hallelujah esce per VNT1 in free-download su www.vnt1.com e disponibile in copia fisica e in “Special Pack” con album autografato e t-shirt su vnt1.bigcartel.com. Abbiamo incontrato e intervistato Saint. Buona lettura!

Chi è Saint? Raccontaci qualcosa di te.

Saint è soltanto un ragazzo come tutti gli altri, con una passione assurda per la musica, mi sono avvicinato prima al Punk Rock che al Rap. Ho suonato la batteria, la chitarra, poi sei anni fa al concerto di un mio amico ho capito che era un bel trick per mettermi a competizione con gli altri, allora ho subito iniziato!

Cosa pensi caratterizzi la tua musica?

Gli argomenti che caratterizzano la mia musica, il mio primo tape, sono solo racconti di quello che ho passato nell’adolescenza fino ai giorni odierni, e a quello che è cambiato dopo che ho firmato il contratto. Scrivo come se stessi scrivendo un diaro in base a quello che passo, ai miei stati d’animo e a quello che ho visto, nel bene e nel male. A livello di produzione adoro mettere strumenti reali nei beat, su questo io e 3D siamo sempre stati d’accordo. 

Saint Intervista

Prendi ispirazione da qualche artista?

Sinceramente cerco di non prendere spunto dagli altri artisti, almeno in Italia, altrimenti si sentirebbe subito e non sarebbe un bene essere simile a qualche altro rapper, bisogna caratterizzarsi su tutto ciò che si fa altrimenti sarebbe inutile andare avanti, però i tre rapper che stimo e adoro di più che sono Pusha T, Mac Miller e Earl the Sweatshirt. 

Qual è il filo conduttore delle tue canzoni?

Hallulujah” amo definirlo un hard-core conscious: l’amore per la strada, per una donna, quello per mia madre. C’è sempre l’amore dietro tutto.

Cosa pensi della scena rap italiana?

Guarda ti dico la verità, non sono un grande fan del rap italiano, però ho moltissime conoscenze nel settore, dai “big” a quelli più underground ai miei amici di quartiere. C’è sermpre RISPETTO da parte mia verso tutti gli artisti.

Cosa vorresti trasmettere con la tua musica e a quale tipo pubblico vorresti rapportarti?

Quello che cerco di fare è far rispecchiare l’ascoltatore in quello che dico. Sono cresciuto in periferia, di certo un dottore o un avvocato non potrà mai condividere quello che dico, la maggior parte delle nostre esperienze sarebbero completamente diverse. Molti ragazzi della mia periferia mi supportano e credono in me, e ogni volta che vado a trovarli mi ringraziano. Abbiamo passato le peggiori situazioni che degli adolescenti possano passare, io mi sento in dovere di essere la voce di tutti loro, sono la mia forza, ogni volta che li guardo negli occhi prendo ispirazione.

Con quale criterio scegli i feat. delle tue canzoni e i produttori con i quali collaborare?

Ho collaborato solo con persone che conosco e che rispetto sia a livello musicale che umano, con cui ho passato situazioni pazzesche. Comunque sono tutte persone che frequentano il Bunker studio.

Saint Intervista

Angolo MarzulliHano: Fatti una domanda e datti una risposta

Saint farai degli instore di questo Mixtape? Si i primi due confermati sono il 21 a Roma da PROJ3CT e il 28 a Milano da GHETTO CHIC

Angolo della Puttana: Prostituisci il tuo disco

Ahahahahah! 10 euro il disco e 20 euro lo special pack con magliette e poster firmati! Ahahah mi fa così strano… a parte gli scherzi, penso che sia un bel disco. Ci ho messo tutto me stesso e credo che valga la pena comprarlo, è tutto perfezionato al dettaglio. 

Angolo della Shampista: Una cosa che nessuno sa di te

Ahahahahah ma forse neanche alla shampista racconto i cazzi miei… cerco direttamente di chiedergli il numero 🙂 

Link di riferimento? Dove ti possono trovare sul web?

Il disco è  disponibile per VNT1 in free-download su www.vnt1.com, in copia fisica e in “Special Pack” con album autografato e t-shirt su vnt1.bigcartel.com

Altro da aggiungere?

Ciao a tutti! grazie per lo spazio e alla prossima! HALLELUJAH!