155325__lee_l

 

Come abbiamo visto ieri (QUI), Secret Wars, il maxi evento che andrà avanti tutto l’anno, porterà alla fine dell’Universo Marvel Classico e di quello Ultimate così come li conosciamo…

Cosa ne pensa di tutto ciò mr. sorrisone Stan Lee che l’Universo Marvel, in pratica, l’ha creato?

“Probabilmente è un bene. Tutto ciò che fanno di inaspettato e diverso solitamente cattura l’attenzione dei fan. Le persone vorranno vedere cosa succederà e a cosa porterà questa decisione. La Marvel non può continuare a ripetere sempre le stesse storie, deve proporre nuovi punti di vista e nuovi approcci al materiale. Penso sia una buona idea, mi sembra intrigante.

Sicuramente ho un attaccamento emotivo al Marvel Universe originale, perché sono stato coinvolto così tanto in esso, ma questo non significa che io mi aspetti che resti uguale in eterno. Potrebbe essere addirittura migliore con questo nuovo approccio. Sono impaziente di scoprire cosa possa succedere.

All’epoca, pensai che quello che avevo fatto fosse il modo migliore per fare le cose, forse in alcuni casi addirittura il modo perfetto. Mi è piaciuto fare i Fantastici Quattro come supereroi senza un’identità segreta. Mi è piaciuta la tragedia delle origini di Spider-Man, “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”. Pensavo fosse la strada giusta da seguire al tempo, e ancora sono soddisfatto delle mie scelte, non posso pensare a qualcosa che mi piacerebbe davvero cambiare.

Una volta ero il responsabile creativo della società, ma questa era più piccola. Non so cosa farei se fossi il responsabile creativo della Marvel oggi. Dovrei pensarci un bel po’. So che devi sempre sorprendere il lettore, fargli dire “Wow, non me lo sarei mai aspettato!”.

É diventata la tradizione Marvel e se questo continua la tradizione, sono felice per tutti loro e per i fan.”

 

Condividi
Daniel San
Lo voleva il Real Madrid, lo voleva Hollywood, lo volevano gli Avengers, amatissimo da tutti, di qualsiasi religione, sogno erotico femminile, il miglior amico che ogni uomo vorrebbe avere. Beato lui. Io invece sono Daniel, carpentiere di giorno e blogger nei pochi minuti che rimangono liberi. Appassionato di cinema, fumetti e cazzate. Un nerd d’altri tempi che ti racconta la nostalgia degli anni 80/90 come te la racconterebbe Mario Merola, e di come una volta se ti mettevi la maglietta di Superman e uscivi in strada eran coppini e zero figa per sempre, mentre oggi è la base per una rapida scalata verso il successo.