Rak
Parto domani ho il primo aereo a Fiumicino m’esce l’ansia dal cuscino
ho cancellato la rubrica del telefonino
parto perchè ho deciso di seguire il tuo consiglio
e me l’ha detto pure il presidente del consiglio
pe’ scelta pe’ dignità pe’ fame pe’ lavorà
perchè è rimasta l’ultima possibilità
nella città che ti dà vita impari a crescerci
ma ‘n sai se un giorno il nostro figlio potrà nascerci
vattene in fretta all’alba
prima che un’alfa dei caramba ce se beva pe ‘na canna
vattene via dai tuoi problemi e li ritrovi tra le mura
migrante ma allo stadio c’andrai senza schedatura
dice vattene ma ho tante cose care qua
dice stattene al tuo posto ‘n ce so stà
dice sbattitene ma non lo riesco a fà
perchè nel bene e nel male la mia terra è questa qua!

Ritornello
Ho visto in faccia la realtà j’ho detto vattene
c’avessi in faccia sua maestà gli direi vattene
se non sei ben raccomandato allora vattene
vattene vattene!

Ho visto in faccia la realtà j’ho detto vattene
c’avessi in faccia sua maestà gli direi vattene
se non sei ben raccomandato allora vattene
vattene vattene!

Masito
Pe’ stacce dentro 1+1 3
21 stati della mente che m’incollano e non smollano da dentro me
quello che c’ho sta qui
quello che sò non conta più quando sorpasso la frontiera e perdo l’alibi
vattene via da chi è solo amore zì
se quello che mi porto addosso solo ecchimosi
pe’ chi non vò capì pe’ chi non sta a sentì
dentro la testa c’ho una bomba e sta scoppiando qui
questo è un paese per vecchi
chiusi e barricati dentro a feudi di specchi
con mille tasche e impicci senza gli occhi
ingannano la morte corrompono la sorte come spettri
è una giungla de falsità
dove vivemo barricati dentro la città vivendo la metà
pensando che qualcosa un giorno cambierà
ma il tempo passa nun se ferma manco pe’ salutà!

Danno
Ho visto in faccia la realtà m’ha detto vattene
m’ha detto qua non ha senso neanche più combattere
e chi l’ha capito ar volo da qui s’è dato subito
che qui c’è un posto solo ed è quello da suddito
da schiavo messo prono o scappi per cercare il tuo perdono
o resti a corte a lucidare il trono corri uomo
corri con quel poco che ti resta
vattene via da qui prima che te fanno annà via con la testa
senza speranza nè domani
a litigasse l’osso come i cani per fare ingrassare 4 infami
4 stronzi che aspettano che schiatti
fra concorsi truccati e contratti che sò ricatti
qua non passa e non ce sò resti pe’ nessuno
te vonno a testa bassa e in più contento del digiuno
ma se il futuro è tutto ciò che abbiamo
scavalcheremo il muro e andremo ancora più lontano!

Ritornello
Ho visto in faccia la realtà j’ho detto vattene
c’avessi in faccia sua maestà gli direi vattene
se non sei ben raccomandato allora vattene
vattene vattene!

Ho visto in faccia la realtà j’ho detto vattene
c’avessi in faccia sua maestà gli direi vattene
se non sei ben raccomandato allora vattene
vattene vattene!

Marciano
Vattene scappa ‘sto posto è stretto si strappa
tutti contenti solo quando si stappa
città in blackout polvere e acciaio
vorrei fuggire sparire in ogni singolo dettaglio
la libertà è il loro bersaglio
scrivo la realtà come Travaglio frega un cazzo se sbaglio
passi fatti tra matti è una malattia
solo pe’ andare via dalla periferia
vattene dai frà pensavi alle Hawaii ma
non te ne vai man se non a Sabaudia
col mondo nei Ray Ban sulle dita su un iPad
farei di tutto per andare via da qua
dopo tutti questi anni
scapperei pure stanotte senza manco salutarvi
domani è un altro giorno lo so e se me ne andrò
chissà se migliorerò!