[EMIS KILLA]
Se oggi sono qui devo ringraziare me stesso, devo ringraziare voi, ma soprattutto devo ringraziare due persone.

[RIT. EMIS KILLA & FABIO DE MARTINO]
Se cammino a testa alta in questo mondo,
se mi rialzo vado avanti quando sprofondo,
se ho imparato a medicarmi dopo ogni colpo,
è perchè se chiudo gli occhi il vostro sguardo,
è tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
Solo tu sei quello che ho.

[EMIS KILLA]
Sei bella truccata come sei bella struccata,
mi sa che non hai bellezza è la bellezza che ti ha.
mamma, è un nome troppo comune per ciò che sei
accomunerei le stelle ai tuoi occhi in comune ai miei.
tu sei, il mio angelo in questo Inferno,
il mio diavolo quando è Inverno,
il mio amore, quello vero, quello raro, quello eterno.
E non conta quanto ci vediamo,
finchè l’uno per l’altro ci siamo.
Dal cordone alla bara, non conta la fama,
per te sarò sempre Emiliano.
Capisco ora le pare sull’ore e se eri ansiosa,
so che ogni schiaffo che mi hai dato è servito a qualcosa.
dai brutti voti a scuola, ai brutti volti attorno,
mi dicevi ogni giorno “metti la testa a posto”.
e oggi che ho fatto strada, è andata come è andata,
sorry mama se il tuo bambino non è più a casa.
Ma, la distanza è solo strada e non cambierà niente,
la mamma è sempre la mamma e tuo figlio è sempre presente.

[RIT. EMIS KILLA & FABIO DE MARTINO]
Se cammino a testa alta in questo mondo,
se mi rialzo vado avanti quando sprofondo,
se ho imparato a medicarmi dopo ogni colpo,
è perchè se chiudo gli occhi il vostro sguardo,
è tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
Solo tu sei quello che ho.

[EMIS KILLA]
La stessa testa, la stessa passione per la musica,
so che sei da qualche parte che tifi per me papà,
lo so, vivi attraverso me e la gente per le strade,
mi riempie d’orgoglio quando dice “sei tutto tuo padre”.
Nel bene e nel male sempre sereni,
la soluzione a tutti i miei problemi,
guai a chi ti toccava il tuo Emi.
Ho imparato tanto da te,
da andare in bici a schiacciare i freni,
quando la vita sfreccia e non puoi cadere in piedi.
Papi, ogni tanto ti sogno e ricordo
le cazzate fatte in passato,
ti dicevo non dirlo alla mamma,
e tu c’eri ogni volta ti ho sempre trovato.
Tu mi hai dato la scelta di fare,
le cose giuste e le cose sbagliate,
ecco perchè non ti ho mai preso in giro,
ti ho preso sul serio mai detto cazzate.
Tra genio e follia in bilico,
nel nostro sangue è tipico,
il nostro amore così grande che non lo classifico.
Fanculo a questo mondo cinico,
non sono figlio di papà, ma sono figlio di un papà magnifico.

[RIT. EMIS KILLA & FABIO DE MARTINO]
Se cammino a testa alta in questo mondo,
se mi rialzo vado avanti quando sprofondo,
se ho imparato a medicarmi dopo ogni colpo,
è perchè se chiudo gli occhi il vostro sguardo,
è tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
Solo tu sei quello che ho.

[FABIO DE MARTINO]
E ogni giorno che respiro è come se
riscoprissi i vostri passi uguali ai miei.
E non voglio cancellare neanche un’ora,
ogni singola carezza, ogni parola,
perchè sono uguale adesso come allora,
ed il tempo non potrà cambiare niente, niente.

[RIT. EMIS KILLA & FABIO DE MARTINO]
Se cammino a testa alta in questo mondo,
se mi rialzo vado avanti quando sprofondo,
se ho imparato a medicarmi dopo ogni colpo,
è perchè se chiudo gli occhi il vostro sguardo,
è tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
È tutto quello che ho.
Solo tu sei quello che ho.