VINS | Ritornello:
Allora non svegliarmi, tanto io non cambio
ma tu non svegliarmi, tanto io non cambio mai
ancora non svegliarmi, tanto io andrò avanti
ma tu non svegliarmi, tanto io non cambio mai.

CHICORIA:
Me vede e corsa ecco la forza de strattonarla e strapparla ogni volta a borsa
l’unica cosa che mi sarva ancora
e il volume a palla ogni ora
blocca la mia mente che non smette de parlar sopra
non avemo finito er discorso ma siamo gia arivati all’osso
e io davero ‘n te conosco
sei uno dei tanti che voleva il gobbo
uno dei tanti che ho rimesso a posto
l’amici mia non mi chiamano co quel nomigliono
se ho sai come me chiamano sti stronzi,diglielo,
ancora con mezzo sorriso de buono aspicio,
lacrime dar viso,
fumo la mia via per paradiso
e pe inciso la merda che inghiotti tutti i santi giorni a denti stretti
non la togli col dentifricio
e semo tutti dei figli di puttana ‘n ballo pe a grana
il nostro amico più fedele c’ha il numero di serie da filigrana
e non riesco più ad ave’ nessuno vicino nello stesso contesso
come certi animali ‘n so da giardino
da quando m’alzo ar mattino cazzo dritto spizzo realizzo un biscottio
io co sputo nel lavandino semo uguali,
cresce co 100mila cazzi c’è chi riesce a stacci
dopo che ti hanno ringraziato a calci ringrazierei voi altri
perche c’ho un cazzo d’aggrapparti
e l’erba è l’unica a calmarti come sta società(…?…)
non fa’ de tutta l’erba ‘n fascio
che so differente e sti stronzi ce lo sanno.

VINS | Ritornello:
Allora non svegliarmi, tanto io non cambio
ma tu non svegliarmi, tanto io non cambio mai
ancora non svegliarmi, tanto io andrò avanti
ma tu non svegliarmi, tanto io non cambio mai.

CHICORIA:
Hanno rotto er cazzo co ste similitudini,
attitudini der cazzo, testi inutili da pupazzo
azioni da pazzo che ‘n a mai fatto
perche le scrivi? Non le vivresti ne manco
ma è ‘n taglio e cuci, rime de ‘n certo livello
come er padre eterno ‘n mezzo a sti ciucci
er nome mio è meglio che non pronunci
difendo il mio status di capo
era ‘n bel lapsus che non giravo blindato senza esse ‘n capo de stato
prima de scrive na rima potrei scrive libri su a vita mia
er vangelo e a bibbia te forse qualche poesia
ma vanno nel dimenticatio perche so solo stronzate s’un foglio
l’anno come un avvoltoio su a preda
scompaio ar volo prima che tu te renda conto
gli riporto er grano me lo ridanno in mano in avvolto sotto altra forma,
me stringono la mano vai zitto e sgobba una vita da mediano ma co e fascie aperte
vojo fa sto cambio da palo a luogo tenente a capitano
fino ar solitario dell’ergastolano
e sta recluta me scruta se pensa che qualcuno l’aiuta solo che qui è dittatura
non se recluta solo perche fai figura co ‘n par de Jordan e na tuta mimetica
te vesti uguale a me ma nun semo a stessa persona identica
le cicatrici, cazzo ne sai dei desofici pe sti sacrifici
ho finito co l’impicci ma mi porto dietro tutti l’amici.

VINS | Ritornello:
Allora non svegliarmi, tanto io non cambio
ma tu non svegliarmi, tanto io non cambio mai
ancora non svegliarmi, tanto io andrò avanti
ma tu non svegliarmi, tanto io non cambio mai.