Senti quà fratè! Cazzi vostra!
E a quando t’è successo che nun ce la fai,
pure se togli la base..
C’abbiamo una cosa da non compiere mai,
perchè poi c’è da vede se le bombe le fai,
senti che quando senti il suono de ste trombe te dai,
quando esce il mio mixtape, quando compie te dai.
Ti ci pizzo in faccia, per ogni rima che chiudo che tu non vedrai
sorgere mai.
Qualunque cosa fate tanto esce male,
poi il valore di certa merce sale,
e viene pure ascoltata in certe sale,
dove a 14 anni non dovreste stare.
Non siete nessuno e state a festeggiare,
ogni rima è un proiettile per scheggiare,
che mirano alle gambe, provano a fermamme
ma me muovo co la fame de un pesce cane.
Che pe reppa cosi manco co le ripetizioni,
de scazzi che manno a casa c’ho pure le collezzioni.
Dal momento che tu…
dopo provi a fatte conosce co le competizioni.
Ma è il contrario,
prima tocca alle competizioni,
fino a quando non incominci a riceve commenti buoni,
perchè non so come pensi de riuscì a vende fuori,
che su 15 basi ci so 20 suoni.
Tu non li senti i tuoni, quà arriva un temporale,
me so accorto che ho usato il mio tempo male,
quindi mo sputo tutto per colmare il resto della pista che mi farà decollare.
A te invece t’hanno messo un bel collare,
ti vedo e sai che so che state pe crollare.
Io sto cor Gose, sto per rollare,
una canna di dimenzioni fuori del normale.
Tu me provi a copià solo per entrare
nel giro del rap dove puoi elencare,
che di me non c’è niente de mentale,
c’è solo che è certo il rap è demenziale.
Tu vorresti, esse come me
scrive rime come me, piar culo come me,
che quando ho scritto la prima volta,
te stavi in seconda elementare.
Io non so solo la mia voce, so pure una persona,
e più passa il tempo e più mi sale una pezzona.
E no, non organizzo le rappe in zona,

E se continuo a reppa pe na mezz’ora
tutta la situazione che quà peggiora,
ma non ce la faccio più,
pe questo alzo il volume e la faccio su!
.. Dije un po’ a questi de smette de continuà de finge coi testi,
che dopo un anno, alla fine confessi,
che i fatti che hai raccontato non l’hai commessi.
Fate i commessi, restate soppressi,
non ve mollamo noi continuamo col pressing
e vi spingiamo in basso finche state compressi,
e fino a quando non accettate i complessi
che avete nei confronti di questo rap,
nun te poi lamentà, questo c’è,
e non so se hai capito che ti ho detto che,
quel poco di buono non ce l’hai messo te!
Qualunque reppata sai che già ce l’ho,
questa taglia originale io già ce sto,
e te guardo mentre ti rompi l’osso del collo per seguire il charleston.

No nun ce la fai, no che nun ce la fai..

Nun je la fai a sta appresso ai tempi,
certe cose non le sai,
non le devi sapere, quindi non chiedere che non saprai mai.
Sto co mi fratello Gemitaiz,
quello che reppa veloce,
noi, andamo veloce, sturamo veloce, scopamo veloce,
arzamo la voce pe facce senti da voi,
mezze checche isteriche,
faccio rime sintetiche,
che sintetizzano quello che famo noi.
Sto co du mezze, sto co le pezze ar culo.
Senza niente, senza certezze,
nun voglio carezze, quello che vojo ar massimo so altre du mezze.
Mezze giornate buttate, quante mezze svolte mai svoltate.
Quante parole sprecate co voi,
ma voi quante parole sprecate.
Non aspirate dalle mie mani che collassate,
non guardate nelle mie maniche che c’ho le rime appizzate.
A superarmi non ce la fate,
quindi non lo consiglio a nessuno,
non ascoltarmi è il mio consiglio,
spero che lo segua qualcuno.
E adesso che mi segua qualcuno,
che gli sego le gambe,
co ste rime te lascio in mutande,
e poi te levo pure quelle.
Su ogni mia rima, su ogni pezzo, su ogni disco sputo sangue,
tu non fare domande che le mie rime ti prendono a sberle,
belle ste situazioni e sti pezzi che voi nun farete mai.
Aspettati i pezzi novi, er disco novo, preparate che nun je la fai!