HUBE
Io giro solo giro male accompagnato e vivo
sopra a queste strade perché sopra queste strade sono un lato che ha
scappato da un passato che ora mi ha trovato pronto
sono nato qui ho vissuto sono morto e poi risorto
e metto il fiato sopra il collo di ogni attimo che passa
qui barcollo ma non mollo a questo tiro e batto cassa
vivo ogni respiro come fosse l’ultimo che ho
mi hai colpito forte ma stavolta io giuro c’andrò
le botte che ho preso ogni notte no non mi hanno steso
le volte che hai picchiato forte non mi sono arreso
ed ho compreso i miei ricordi e ne ho portato il peso
ma i fantasmi pronti nell’armadio non mi hanno mai preso
ho preso fiato dove l’aria qui non c’era più
e ancora porto il fuoco dove il fuoco non cera quaggiù
e tu mi hai colpito forte ma io resto su
e se la vita corre forte io corro forte di più

Ritornello
Portiamo il fuoco fratè dentro al nostro suono
quello che ti accende la canna e ti riscalda se stai solo
noi continuiamo a fa fuoco per compensare chi fa poco
e non c’è modo con cui puoi toglierci il valore
fratè non puoi toglierci il calore

COEZ
Fra sta merda brucia in petto
e il panico mi sradica dal letto
è la mia carica a colmare ogni difetto che ho
non è il berretto nel flow
a fare grande un progetto
mi fai la guerra ci sto
ti calo senza l’elmetto
metto l’essenza in un pezzo
se resto senza so perso
tu versi benza da un pezzo
ma il risultato non c’è
l’asfalto squaglia le suole
cerco na scaglia de sole
nel grigiore che vige ma che non vince su me
per i fratelli nelle bare
chi è stato pugnalato da un infame e adesso gira con le pare
per chi sta preso male
ma tornerà a brillare
come il fuoco di chi sa quanto vale
e qua quanto pare
tocca continuare a camminare
con accanto il male senza cantonare
ogni ricordo che ogni tanto sale
e tanto è uguale
e anche se brucia tanto non fa male

Ritornello
Portiamo il fuoco fratè dentro al nostro suono
quello che ti accende la canna e ti riscalda se stai solo
noi continuiamo a fa fuoco per compensare chi fa poco
e non c’è modo con cui puoi toglierci il valore
fratè non puoi toglierci il calore

GEMITAIZ
Perchè c’ho sempre avuto il fuoco
a me non m’ha mai spinto nessuno
l’unica cosa che m’hanno spinto a me è il fumo
quando ero piccolo mo c’ho l’autoproduzione
rappo e scallo come il sole senza l’autocombustione
gemitaiz quello che dicevi che rappava strano
mo trascino fuori dalla merda il rap romano
perché né passato un giorno senza avè sputato
trenta rime sulla merda che quello stesso giorno ho ingoiato
e c’ho la pelle d’oca e la voce alta
perché sta roba ti scalda non è solo inchiostro scritto su carta
è toccare la verità prima che parta
e venga sostituita con un altro cuore che impatta
nun so perfetto è la voce dei disagiati la mia
che quando vede le guardie va in tachicardia
pe tutti i negri che sfamano a ventanni na fia
pe chi si ustiona con me quella è la mia famija